Cerca

PeoplePeople

I droni di Obama tra Iraq, Afghanistan e Siria

Obama deve intervenire per il “casino in tutto il mondo” oppure no? Secondo Benito almeno i bombardieri li dovrebbe mandare; se non quelli, almeno i droni, suggerisce Chiara

BENITO: Allora, quando si decide il tuo Obama ad intervenire?

CHIARA: Dove?

BENITO: Dappertutto. C'è casino in tutto il mondo.

CHIARA: E noi dovremmo intervenire? Mandare truppe dappertutto, come dici tu?

BENITO: Sì. È tutta colpa di Obama quel che sta succedendo. È un pacifista e si vanta di non aver fatto morire nemmeno un soldato americano. I ribelli, i fanatici, si sentono incoraggiati ora che non mandiamo più truppe a presidiare e ad aiutare.

CHIARA: In Iraq ed Afghanistan son morti 10.000 nostri fratelli. E più di centomila feriti. Basta con i massacri.

BENITO: I massacri li fanno loro adesso. Più di centomila morti in Siria. E dalla Siria i Jihadisti vanno ora in Iraq. ISIS, l'Islamic State of Iraq e Siria vuole creare un califfato puramente islamico.

CHIARA: L'ho letto. È una seria minaccia.

BENITO: Hanno invaso Mosul ed altre quattro città irachene ed ammazzano indiscriminatamente cristiani, ebrei e governativi, brava gente che serve il governo di Maliki. Ce l'abbiamo messo noi. Non possiamo abbandonarlo.

CHIARA: E secondo te dovremmo mandare soldati in Iraq per salvarlo?

BENITO: Certo. Non si abbandona un nostro protetto.

CHIARA: E tu, andresti anche tu, volontario?

BENITO: Io no. Ho più di trent'anni. Mandino quelli più giovani.

CHIARA: A morire per Maliki?

BENITO (riflettendo): …mandi almeno i bombardieri per fermare quella folle avanzata.

CHIARA: Questa volta son d'accordo con te. Dovrebbe mandare i droni. Velivoli senza piloti. A bombardare quei fanatici criminali. Devono essere fermati. Senza rischiare la vita di nessun soldato americano.

BENITO: Almeno i droni!

CHIARA: Succederà. Lo spero… Forse…

 

A proposito di...

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter