Cerca

PeoplePeople

Con noi o contro di noi

Gli islamisti dell'ISIS fanno prevalere l'odio sui messaggi di pace contenuti nel corano. Conquistano terreno, vogliono dominare e allora uccidono, decapitano, bruciano chiese e sinagoghe

Chiara: Una certa stampa afferma che durante le crociate i cristiani erano feroci come gli islamisti.

Benito: È possibile.

Chiara: Eh no! Il principio cristiano è “amare il tuo prossimo come te stesso”.

Benito: Ci credi? Sei proprio un’ingenua. Anche nella bibbia e nel corano ci sono affermazioni di pace ed affermazioni di guerra. Sempre vaghe allusioni.

Chiara: Dove le trovi nella bibbia, nella letteratura cristiana?

Benito: Quando trovi il tempo, rileggila.

Chiara: Quel che fanno ora quelli dell’ISIS nelle città conquistate è incredibile, impensabile.

Benito: L’odio prevale, purtroppo. Conquistano terreno e vogliono dominare. Quindi, uccidono, decapitano, bruciano chiese e sinagoghe. Odio estremo.

Chiara: A Mosul han messo la loro bandiera di morte al posto della croce. Anche alla cattedrale di St. Ephrem.

Benito: Sono spietati. Impongono: “con noi o contro di noi.”

Chiara: Hanno anche distrutto tutte le statue della madonna.

Benito: Le statue non soffrono. Le donne, le vittime, sì.

Chiara: Io penso a quelle vittime delle violenze. Donne di qualunque età.

Benito: Succede dappertutto. Anche in India ed in Afghanistan.

Chiara: Ieri il New York Times ha pubblicato la foto dei sette stupratori che sono stati condannati a morte. La prima volta. Era ora.

Benito: Anche in India, alcuni sono stati condannati .

Chiara: Siamo d’accordo. Devono essere puniti.

Benito: Anche la pena di morte, spesso.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter