Cerca

PeoplePeople

Erdogan, amico dell’ISIS

Per Benito e Chiara, il non interventismo della Turchia nasconde una simpatia di Erdogan per i fondamentalisti dell'ISIS e un piano per distruggere i curdi. Tutto in nome di dio

Chiara: Il governo turco dovrebbe vergognarsi. Non vuole aiutare nella guerra contro i terroristi ISIS. Potrebbero aiutare gli abitanti di Kobane, assediata e affamata dall'ISIS. E' a pochi chilometri di distanza. Vedono il massacro. Non intervengono.

Benito: Ovvio. Erdogan è un fanatico mussulmano. Ha simpatia per i mussulmani dell'ISIS.

Chiara: Non ha il coraggio di dirlo chiaramente, ma è ovvio. Facilita anche il fatto che molti giovani turchi si uniscano all'ISIS per distruggere i curdi.

Benito: I turchi hanno sempre odiato i curdi. Li temono. Hanno impedito loro di formare una nazione indipendente.

Chiara: Perderebbero piccola parte del loro territorio, ma avrebbero finalmente la pace.

Benito: Quelli non vogliono la pace. Considerano i Curdi terroristi da eliminare. E l'ISIS sta facendo il loro gioco. Li stanno distruggendo. Kobane potrebbe cadere nelle mani dei feroci massacratori.

Chiara: Tutto in nome della religione. Il mio Dio contro il tuo.

Benito: La solita storia. In nome della religione si commettono tanti crimini, purtroppo.

Chiara: Purtroppo. Ma nel frattempo muoiono migliaia di innocenti nel tormentato Medio Oriente.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter