Cerca

PeoplePeople

Commenti: Vai ai commenti

Il 22 settembre, con Rosario Livatino, “morì” anche Pietro Ivano Nava

L'agente di commercio che vide l'omicidio del giudice, si fermò ad Agrigento, avvertì la polizia e non esitò: "Ho visto i killer, saprei riconoscerli"

La ford Fiesta del giudice Rosario Livatino, sul luogo dell'omicidio

Pietro Ivano Nava è stato il primo vero testimone di giustizia in Italia. Vero, autentico: fu testimone di un crimine efferato, l'omicidio del giudice Rosario Livatino. lo ha denunciato, senza se e senza ma, portando alla condanna dei killer. Lui è morto quel giorno, perché lo Stato gli ha dato protezione, sistemazione, una nuova identità. Ma il signor Nava è morto, un’altra persona vive adesso la sua vita, tra le mille difficoltà di chi in un pomeriggio ha perso tutto: il lavoro, la carriera, la casa, gli amici

Oggi, 22 Settembre, ricorre l’anniversario della barbara uccisione di Rosario Livatino, magistrato. Era il 1990. I killer mafiosi lo affiancarono a bordo di una moto, cominciarono a sparare, lui, colpito ad una spalla, scese dalla macchina, scappò per la campagna. Fu una corsa di pochi metri.

Ma oggi, 22 Settembre, non è stato solo Livatino a morire. E’ “morta” un’altra persona. Pietro Ivano Nava. Agente di commercio,  40 anni, lombardo, rappresentante di porte blindate, si trovava casualmente sulla stessa strada di Livatino e dei killer perchè aveva degli appuntamenti in Sicilia.

Vide l’omicidio.

Vide in faccia i killer.

Non esitò un minuto a fermarsi da un cliente, ad Agrigento, a  chiamare la polizia, fornire una ricostruzione dettagliata e dire: “Ho visto i killer, saprei riconoscerli”.

Così avvenne.

Pietro Ivano Nava è stato il primo vero testimone di giustizia in Italia.

Vero, autentico: ha visto un crimine efferato, lo ha denunciato, senza se e senza ma, portando alla condanna dei killer.

Lui è morto quel giorno, perché lo Stato gli ha dato protezione, sistemazione, una nuova identità. Ma il signor Nava è morto, un’altra persona vive adesso la sua vita, tra le mille difficoltà di chi in un pomeriggio ha perso tutto: il lavoro, la carriera, la casa, gli amici.

Ricordiamo sempre Livatino, ma dovremmo non dimenticare Nava.

E’ stato il primo vero testimone di giustizia italiana. Non era  mafioso, non ha parlato perché gli hanno ucciso un parente, o perchè era stanco dell’ambiente in cui viveva. Non ha parlato per rifarsi una vita. Non ha fatto ricostruzioni, supposizioni, congetture. Ha raccontato la meccanica di un fatto, i lineamenti di un volto. Una, due, tre volte, ogni volta che gliel’hanno chiesto.

E, con grande rispetto dello Stato  non ha utilizzato la sua condizione per fare carriera politica o reclamare un posto, giocare con la doppia identità, fare, ancora peggio, il gioco del non potersi mostrare in pubblico per poi mostrarsi, tipico di certe starlette dell’antimafia. Non si è autocelebrato come eroe.

La sua assenza, da allora, parla per lui. E parla di uomo normale, che ha fatto una cosa semplice, responsabile, umana.

“Perchè lo ha fatto?”, gli chiesero una volta i giornalisti, durante l’udienza del processo in cui aveva appena confermato l’identità dei killer di Livatino. “Perchè l’ho fatto? Perchè sono stato educato così”.

Grazie, signor Nava.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter