Cerca

EXPATEXPAT

Commenti: Vai ai commenti

Al Consolato di New York gran festa della Repubblica con l’ambasciatore Varricchio

Prima del ricevimento consegnate onorificenze a John Turturro, Isabella Rossellini e Antonio Monda. Inaugurato anche con Rizzoli lo spazio lettura

L'Ambasciatore Armando Varricchio premia John Turturro, Antonio Monda e Isabella Rossellini

L'Ambasciatore Armando Varricchio premia John Turturro, Antonio Monda e Isabella Rossellini

Il console generale Francesco Genuardi con gli chef

Il console generale Francesco Genuardi con gli chef

Da sin. Eugenia Comini, Isabel Achaval Genuardi, Severa Imperiali

Da sin. Eugenia Comini, Isabel Achaval Genuardi, Severa Imperiali

Il concerto di Chiara Civello

festa-della-repubblica-consolato-civello

Il concerto di Chiara Civello

Nel corso della giornata, l’Ambasciatore Armando Varricchio ha visitato la sede dell’Istituto per il Commercio Estero di New York diretta da Maurizio Forte, dove è stata allestita la mostra di prodotti italiani “An Authentic Italian experience”. Alla festa, a cui ha partecipato anche l'ambasciatrice d'Italia all'ONU Mariangela Zappia, grandi applausi all'Istituto di Cultura per il concerto di Chiara Civello

Come ogni anno, gran folla ieri sera al Consolato generale d’Italia su Park Avenue, per la festa della Repubblica (celebrata il 3 giugno, mentre il 2 giugno si era tutti a Central Park per “Italy Run by Nutella Cafe” ). E anche quest’anno ha partecipato l’Ambasciatore d’Italia a Washington, Armando Varricchio.

L’ambasciatore Armando Varricchio, con accanto il Console Generale Francesco Genuardi, inaugura lo spazio lettura Rizzoli nella sala d’attesa del Consolato

Alla presenza del Console Generale Francesco Genuardi, del gruppo di parlamentari italiani che ha partecipato alla corsa “Italy Run” e di una nutrita rappresentanza di italiani e italo-americani, l’Ambasciatore Varricchio ha ricordato come “nessun luogo meglio di New York incarni la profonda amicizia tra Stati Uniti e Italia. Nomi, aziende, storia e cultura italiani sono profondamente intrecciati con il tessuto sociale e la vita della Grande Mela”.

Isabella Rossellini

Nel corso della giornata, l’Ambasciatore ha visitato la sede dell’Istituto per il Commercio Estero di New York diretta da Maurizio Forte, dove è stata allestita la mostra di prodotti italiani “An Authentic Italian Experience” (tra le varie delizie, noi abbiamo gustato le orecchiette al pomodoro preparate dalla De Cecco e i salumi di Beretta) dove ha incontrato i Parlamentari italiani che avevano corso a Central Park. Poi, in una emozionante cerimonia tenuta al Consolato, l’ambasciatore Varricchio ha consegnato le Onorificenze al Merito della Repubblica a tre stelle del cinema italiano e italoamericano a New York: l’attrice e autrice Isabella Rossellini, il professore della NYU e direttore della Festa del cinema di Roma Antonio Monda e l’attore e regista John Turturro. Monda, al momento di ricevere l’onorificenza, ha voluto ricordare l’amico Massimo Troisi, scomparso proprio 25 anni fa, e quello che gli disse al momento della sua partenza per gli USA.

John Turturro

Al ricevimento al Consolato, vestita con un tailleur rosa, é arrivata anche l’ambasciatrice Mariangela Zappia, capo missione dell’Italia alle Nazioni Unite.

Prima del ricevimento in consolato, l’Ambasciatore Varricchio ha anche inaugurato lo spazio riservato ai libri italiani nella sala d’attesa del Consolato, allestito in collaborazione con la libreria Rizzoli di New York e altre case editrici quali Mondadori, Einaudi, Piemme, Sperling, Giunti e Bompiani.

Nel corso del ricevimento per la Festa della Repubblica in Consolato è stato presentato il piatto “Granotricolore.it” elaborato dallo chef Davide Oldani in collaborazione con Eataly di New York.

Gli inni nazionali sono stati cantati dagli studenti della Scuola Marconi.

Le celebrazioni per la Festa della Repubblica si sono chiuse con una performance della cantante jazz Chiara Civello presso l’Istituto Italiano di Cultura di New York diretto da Giorgio Van Straten. Chiara Civello si era già esibita il 16 aprile scorso all’Ambasciata d’Italia nell’ambito della serie “Woman who jazz” curata dall’Istituto Italiano di Cultura di Washington.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter