Cerca

Zibaldone

Per chi suona la sveglia

 

Mesi fa, con le piazze del Medio Oriente occupate da giovani che pacificamente spargevano la “primavera araba”, l’impressione da qui era che mentre internet esercitava una spinta liberatrice su popoli costretti a vivere sotto la propaganda di regimi autoritari, nel libero Occidente tutti i “cool” accessori nati dal genio di Steve Jobs avessero l’effetto opposto: l’essere tutti “on line” come sedativo per addormentare le coscienze. Milioni di giovani americani ed europei erano tanto “connessi” quanto disimpegnati, in costante comunicazione solo per chattare sul nulla mischiato col niente. Con tutto quello che stava accadendo negli Usa cosí come in Europa, di cittadini ad occupare permanentemente le piazze proprio non se ne vedevano. Questo pensavo e cosí scrissi. Come mi sbagliavo ed é cosí piacevole ammettere l’errore.
Dal 17 settembre al Zuccotti Park, un piccolo parco di downtown Manhattan (nome in onore di John Zuccotti, presidente della societá immobiliare proprietaria del parco che per legge deve restare accessibile al pubblico) centinaia di manifestanti, giovani e meno giovani, si danno i turni per presiedere una specie di “Tahrir Square” newyorkese. Si erano dati appuntamento piú di venti giorni fa con lo slogan “Occupy Wall Street”, raccogliendo l’invito alla protesta formulato da una rivista canadese, “Adbusters”, specializzata in cause contro il consumismo e per la difesa dell’ambiente. Era molto bello il poster che annunciava per il 17 settembre (la data non é casuale, celebra la ratifica della costituzione americana) il primo appuntamento per protestare gli eccessi della finanza americana: c’era l’immagine di una ballerina che danza sulle punte sopra il celebre toro scatenato di Wall Street, quello scolpito dall’artista siciliano Arturo Di Modica.
All’inizio gli “autorevoli” media, hanno snobbato chi manifestava con lo slogan “Occupy Wall Street”. Li ritenevano degli “hippies” resuscitati, capaci solo di sostiuire “make love no war” con “make love no money”. Invece, oltre a qualche immancabile capellone figlio dei fiori, ormai a manifestare downtown accorrono cittadini di svariate fasce sociali, esclusi ovviamente quell’1% degli americani che controllano la metá della ricchezza prodotta negli Usa, e che dopo i disastri finanziari della bolla del 2008, continuano a comandare a Wall Street e, questa l’accusa principale dei manifestanti, a condizionare le scelte della politica a Washington.
Mentre i manifestanti stanno riuscendo ad allargare la protesta in molte altre cittá degli Usa, spuntano i critici che li accusano di non sapere nemmeno per cosa protestino, insomma di non avere una precisa “agenda”, un programma con punti e proposte, e che siano soltanto rumorosi e fastidiosi gruppi di emarginati, di chi non ha nulla da fare…
Invece fin dal 17 settembre, “Occupy Wall Street” si é dato un obiettivo preciso: mobilitare la coscienza pubblica della democrazia Americana contro il potere esercitato da Wall Street sui processi decisionali di Washington, per liberare il Congresso e anche la Casa Bianca di Obama dalla loro presa. Staccare cioé l’infuenza del denaro della finanza, sulle decisioni di politici eletti dalla maggioranza dei cittadini. Solo cosí si potranno poi prendere quelle decisioni, anche dolorose ma condivise, e affrontare uniti la crisi economica. Gli americani devono riappropriarsi della loro democrazia presa in ostaggio da quell’1% che rappresenta solo WS. Con questa protesta, iniziata il giorno della ratifica della Costituzione americana, forse siamo difronte all’inizio della riscossa dei cittadini di questo paese per riappropriarsi del proprio futuro.
Dopo aver ignorato per giorni le manifestazioni Downtown Manhattan, ora i politici piú “sensibili” alle pressioni dell’alta finanza, politici che non militano solo tra i repubblicani, hanno cominciato a criticare i manifestanti. Chi protesta non ha proposte, ripetono, non rendendosi conto che il “come fare” deve venire dalla politica dopo che l’oggetto della protesta é stato reso evidente: liberare Capitol Hill e la Casa Bianca dalla “tutela” di Wall Street.
Ora é scattata l’ora del contrattacco alla protesta: molti di questi stessi politici che due anni fa salutavano la nascita del “Tea Party”, quei cittadini schierati contro l’eccessiva spesa di Washington e che sostengono un ritorno ai valori della costituzione – o meglio da come da loro vengono percepiti – come un forte segnale di risveglio della democrazia Americana, ora vanno in tv e accusano chi protesta a New York di volere “lo scontro sociale”, di essere “antiamericani”, di rappresentare un pericolo per la democrazia… Ipocriti? Sí, lo sono.
Per il presidente Barack Obama é l’ultima chance per tentare di essere riconfermato alla Casa Bianca: o riesce a difendere gli interessi di chi lo ha eletto – sempre che li sappia riconoscere questi interessi – o cominci giá a pensare alla sua biblioteca presidenziale…
Dopo aver fatto arrivare la primavera araba in Medio Oriente e risvegliato alcuni paesi fondamentali all’Europa – evviva gli “indignados” in Spagna e ora anche in Italia – l’internet ha finalmente suonato la sveglia all’America, riconnettendo i propri cittadini nel restare uniti in difesa dei propri diritti. Forza Internet, hai suonato la riscossa di chi crede nella democrazia.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter