Cerca

Zibaldone

La politica che finisce a putt…

di Elisabetta De Dominis

“Presto la più grande novità politica. Il nuovo movimento non avrà finanziamento pubblico" parola di Alfano. Che suona un po’ come l’invito di un giocoliere ad entrare al Luna Park: “Venite, signori e signore, al più grande spettacolo del mondo. Pagando il biglietto, sarete esonerati dall’onere delle tasse e dall’onere della prova di averle pagate. Basta conservare lo scontrino della vostra elargizione”. Se Formigoni, ventennale governatore della Lombardia, l’avesse saputo… ora non si troverebbe nella spiacevole situazione di non esser creduto dai magistrati di avere rimborsato al faccendiere Pierangelo Daccò viaggi, cene e regali ricevuti. Sicuramente l’avrà fatto in contanti, perché erano delle cifre da niente, tipo i 10 mila euro spesi nel Capodanno 2009 per il resort ad Antigua. Per altre spese ha detto di aver gettato via gli scontrini…

Se non hai pezze d’appoggio, l’Agenzia delle Entrate ti massacra ed Equitalia triplica il massacro con interessi da suicidio. Ma solo se sei un comune mortale e non hai commesso alcun reato. Se invece sei indagato, puoi urlare al complotto, insultare i magistrati, i finanzieri e dichiarare il falso anche contro l’evidenza di prove testimoniali, cartacee e telefoniche. Belsito ha dichiarato: “Bossi era informato di tutto”. Daccò in carcere ha confessato: “Io facevo da collettore, poi dividevamo tutto”. Perciò pagava direttamente i conti di Formigoni. Formigoni mi ricorda Ruby: entrambi venivano pagati come delle puttane senza fare le puttane. Sia Daccò che Berlusconi, quindi, li pagavano per il piacere di avere sempre davanti il loro bel viso, visto che entrambi non consumavano. Qua, parliamoci chiaro, c’era qualche altro business in ballo: neanche la più bella donna del mondo verrebbe pagata dal più cretino del mondo 47 mila euro la settimana.

E Berlusconi non è un cretino. Come non dev’esserlo Daccò, visto che faceva di professione il faccendiere e sapeva trarre il suo lauto tornaconto elargendo un po’ di costosi regali e viaggi. Chissà dunque cosa si inventeranno i liberisti berlusconiani del nuovo partito per vivere ancora più liberi di prima…

E’ chiedere troppo a Monti di cambiare lo stato giuridico dei partiti politici che sono associazioni non riconosciute di diritto privato e quindi possono fare i cavoli loro dei denari che hanno in cassa? Scommettiamo che Monti non farà niente per scalfire i privilegi della casta, perché scatenerebbe il veto del Parlamento? E che alla fine della fiera saranno tutti scagionati da Lusi a Belsito?

Bersani ha dichiarato che se l’avatar di Berlusconi, cioè Alfano, farà un nuovo partito, “il Pd resta l’usato sicuro”. Finché regge. Il governo aveva pensato di comprarsi 400 auto blu proprio perché la manutenzione delle vecchie auto costa. Figurarsi di un carrozzone come il Partito democratico, tenuto insieme solo dal livore verso il Cavaliere.

Tutti questi partiti non hanno ancora capito che non possono riformare se stessi perché non esistono più. La politica non esiste più. Non c’è più destra e sinistra, solo bande trasversali di affaristi che della polis se ne infischiano. Pensano che basti cambiare il nome al proprio partito per rifarsi la verginità, senza nemmeno tagliarsi lo stipendio.

“Di solo rigore si può morire” ha sentenziato Alfano riferendosi alla politica economica della Merkel. Come se non ci avesse condotto la politica scellerata del suo partito in questa situazione fallimentare. Spesso dimentichiamo che Monti non n’è la causa, è l’effetto. Uno Stato senza politica va incontro alla dittatura. Siamo in una dittatura tecnica. Ci siamo dimenticati le lotte per la democrazia… E, quel che è peggio, i professori sanno insegnare cose già fatte, non progettare il futuro. Il problema principale della politica italiana è stato sempre la mancanza di coraggio. Pd e Pdl se ne stanno rintanati dietro a Monti; della serie: vai avanti tu che mi vien da ridere… Soprattutto quando le riforme inique fanno inveire i contribuenti contro il governo. Dopo aver affidato a Monti il ‘lavoro sporco’, pensano di potere tornare da salvatori. Ma per questo gli occorrerà inventarsi un altro e più potente cerchio magico.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter