Cerca

Zibaldone

First Candle

Madonna Without Tears by Coralina Cataldi Tassoni

Madonna Without Tears by Coralina Cataldi Tassoni

C’era una volta una nativa di New York che posò il cuore dove l’eternità si chiamava Roma. Ma credette ancora nei miracoli e così sognò la via del ritorno a casa.

Dedicato al mio bellissimo gigante: New York City

 

Ti ricordi la tua prima candela? Quella che orgogliosamente e delicatamente era posta sulla tua torta di compleanno? Quella che bruciava di speranza e sogni. Quella la cui fiamma luccicava negli occhi dei tuoi genitori. Quella che si scioglieva nel tuo dolce futuro. Era bianca? Rosa? Blu? Gialla? Aveva la sagoma del numero 1? O forse di un bel coniglietto o giraffa?

In ogno caso, era tua. La tua candela. Il tuo primo anno di vita. La tua vita. La tua vita che veniva celebrata. La tua vita che stava per avviarsi saldamente e felicemente verso il futuro. E per far sì che tu potessi annunciarti al mondo, lì in tutta la sua gloria era la tua generosa prima candela. Perciò, ti rifaccio la domanda. Ti ricordi la tua prima candela?

Scelgo anche di credere che l’abilità di rispondere a questa semplice, eppure vitale domanda sia grazie al lavoro caritatevole compiuto dalle varie organizzazioni ispiratrici i cui cuori e ore battono coraggiosamente e costantemente per far sì che noi TUTTI possiamo rispondere a questa domanda.

Recentemente ho avuto l’onore di avere una serendipitous connection con una di queste valorose organizzazioni. Un bouquet di angeli. Un coro di soldati. Un armata di fedeli. Eroi non riconosciuti che hanno adottato due parole semplici. Due parole semplici che per molti non significano un granché ma che per loro significano vittoria: FIRST CANDLE.

La loro somma missione è quella di sconfiggere la tenebrosa morte mietitrice che ruba i nostri neonati. Il loro obiettivo è di cancellare la più cupa delle ombre che ammanta le nostre culle. La loro vocazione è di distruggere il Demone Hal, che rapina i nostri bimbi ancora in grembo. È il mostro dal nome Morte Bianca. È la Furia che si chiama Nato Morto.

In realtà, l’abilità di poter rispondere a questa domanda dipende unicamente da un fattore vitale: che sei vivo. Che il tuo cuore ha battuto per oltre 365 giorni. 12 mesi. 52 settimane. 8760 ore. 525,600 minuti. 31, 536,000 secondi.

Sono madri che portano la vita dei loro neonati defunti allacciata strettamente ai loro cuori. Padri che vivono nel nome del loro figlio o figlia morta perché portano il loro cognome anche in paradiso. Fratelli e sorelle che di notte pregano in silenzio al loro fratellino o sorellina perché hanno la certezza che sono i loro angeli custodi. Sono dottori perseveranti e tenaci dedicati alla battaglia. Alcuni sono semplicemente genitori che forse non hanno mai perso il loro pargoletto ma hanno il dono della compassione e dell’amore degni di un Santo.

Mentre ero circondata dalla calorosa e invitante presenza della famiglia FIRST CANDLE una cosa era certa: sono guerrieri. Guerrieri con un cuore pesante. Il cui peso è costituito di magnanimità e amore. Il cui dolore è tramutato in energia per aiutare genitori in lutto. Questi cuori cremisi scelgono di guardare il mostro negli occhi. Combattono in nome dei loro neonati defunti. Combattono in nome dei nostri futuri infanti. Combattono per noi. Combattono per far sì che nessuna famiglia debba soffrire la tragica perdita del loro piccolo.

La vittoria di FIRST CANDLE è la nostra vittoria. È la vittoria del mondo intero. È la vittoria del futuro. È grazie a loro che un giorno TUTTI noi saremo capaci di rispondere a questa domanda con un giubilante: SÌ!

E questo, miei esploratori di meraviglie, è un FIRST CANDLE miracolo!

Per ulteriori informazioni su come aiuthttp://www.firstcandle.orgare questa vitale causa: www.firstcandle.org

www.coralina.net

www.facebook.com/coralinacatalditassoni 


ENGLISH VERSION

Do you remember your first candle? The one that stood proudly and delicately on your birthday cake? The one that burned with hope and dreams. The one whose flame shined in the eyes of your parents. The one that melted into your sweet future.

Was it white? Pink? Blue? Yellow? Was it in the shape of the number 1? Or maybe in that of a cute rabbit or giraffe?

No matter what, it was yours. Your candle. Your first year. Your life. Your life being celebrated. Your life steadily and happily on its way. And to make sure you would be able to announce yourself to the world, there in its full glory was your bountiful First Candle.

So I will ask you again. Do you remember your first candle?

In reality, the ability to reply to my question depends only on one vital factor: that you are alive. That your heart has beaten beyond 365 days. 12 months. 52 weeks. 8760 hours. 525,600 minutes 31,536,000 seconds.

I also choose to believe that the ability to reply to this simple and yet life altering question is thanks to the charitable work done by many awe-inspiring organizations whose hearts and hours beat courageously and constantly in order to make sure we can ALL reply to this question.

Recently, I had the honor to come in serendipitous connection with one of these valiant organizations. A boquet of angels. A chorus of soldiers. An armada of believers. Unsung heroes who embraced two simple words. Two simple words that for many might not mean much but for them mean victory: FIRST CANDLE.

Their ultimate mission is to defeat the darkest of reapers that steals our babies. Their objective is to erase the grimmest of shadows which cloaks our cribs. Their calling is to destroy the Demon Hal who snatches unborn babies. It is the monster by the name SIDS (Sudden Infant Death Syndrome). It is the Fury called Stillbirth.

They are mothers who carry the life of their dead babies strapped tight to their hearts. Fathers who live in the name of their dead son or daughter because their child carries their surname even in heaven. Siblings who pray silently in the night to their lost brother or sister because they are certain they are praying to their guardian angel. They are doctors, perseverant and tenacious, dedicated to the fight. Some, are simply parents, who might have never lost a newborn baby but have the gift of compassion and love worthy of a Saint.

As I stood surrounded by the warm and inviting presence of the FIRST CANDLE family I knew one thing for sure: they are warriors. Warriors with a heavy heart. Whose weight is comprised of magnanimity and love. Whose grief is channeled to help other grieving parents. These crimson hearts choose to look the monster in the eye. They fight in the name of their dead babies. They

fight in the name of future babies. They fight for us. They fight so families will never suffer the tragic loss of an infant.

FIRST CANDLE’s victory is our victory. It is the world’s victory. It is the future’s victory.
It is because of them that someday we will ALL be able to answer this question with a jubilant:

YES!!
And this, my wonder seekers, is a FIRST CANDLE miracle!
For more information on how to help this vital cause please go to www.firstcandle.org

www.coralina.net

www.facebook.com/coralinacatalditassoni 

 

A proposito di...

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter