Cerca

ArtsArts

Commenti: Vai ai commenti

Reconnecting with your culture: il progetto didattico ispirato all’Agenda 2030

Olimpia Niglio, docente alla Hosei University di Tokyo, illustra gli esiti di un percorso pedagogico iniziato nel 2020 che ha coinvolto Occidente ed Oriente

Poster dell'EXPO facente parte del progetto "Reconnecting With Your Culture".

“Reconnecting with your culture” è un invito partito a luglio 2020 e indirizzato alle scuole primarie e secondarie di tutto il mondo, affinché esplorassero il patrimonio culturale ad essi circostante in termini attivi e curiosi, raccontandolo successivamente.

Promosso dal Centro di ricerca internazionale EdA-Esempi di Architettura, si è avvalso di numerose collaborazioni col fine, come ha già spiegato all’origine Olimpia Niglio, direttrice e fondatrice di EdA e docente di History of Architecture and Management of Art and Culture Heritage, di «rimettere al centro la persona e la sua creatività. Analizzando le realtà di diversi paesi del mondo, dall’estremo Oriente fino all’estremo Occidente, è stata forte la necessità di attivare un nuovo “umanesimo”, per far entrare la cultura a pieno titolo in tutta l’ideazione del nuovo». E non potevano che essere che le giovani generazioni il terreno su cui lavorare: «piantare semi per ottenere buoni frutti e quindi un ottimo raccolto nel prossimo futuro».

Coerentemente, RWYC si è collegato ai propositi dell’Agenda 2030 dell’Unione Europea, goal 4, “Qualità dell’educazione” ed è stato ideato da Niglio, con il coordinamento dell’insegnante d’arte colombiano Kevin Alexander Echeverry, in collaborazione con UNESCO University and Heritage.

Dopo un anno, l’ideatrice traccia il bilancio:  «Si apre ora la prima mostra intercontinentale, con più di 900 disegni provenienti da 4 continenti: Africa, America, Asia ed Europa; curata da Echeverry e da me supervisionata, propone un’interessante prospettiva sul patrimonio culturale visto con gli occhi dei bambini e con interessanti riflessioni sul concetto stesso di patrimonio tra culture diverse. Per la prima volta, una mostra a dimensione di bambino permetterà di riflettere sul valore del patrimonio culturale locale e di intendere l’importanza che ha nella vita di ogni persona».

La galleria è visitabile on-line sul sito.

Dodici mesi di intenso lavoro, più di cento seminari internazionali, corsi di arte e architettura nelle scuole primarie, tre congressi intercontinentali e numerosi incontri di formazione: i numeri restituiscono l’estensione dell’iniziativa, cui va aggiunto l’onere di aver operato in un quadro pandemico difficile e limitante. «Il programma pedagogico “Reconnecting with your culture” viene applicato in molte scuole del mondo e continua a costruire progetti per rafforzare il valore del patrimonio culturale locale dall’Australia all’America».

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter