Cerca

ArtsArts

Commenti: Vai ai commenti

A Venezia 78 con “Lupo Bianco”, la storia d’amore e generosità di Carlo Olmo

L'attrice Monia Manzo descrive il film che racconta la vicenda di un orfano diventato uomo di successo e delle sue incredibili donazioni durante il Covid

La storia di un orfano, che ha fatto dell’amore ricevuto un moltiplicatore di opportunità, esce dalla porta della sua vita privata per essere raccontata al grande pubblico grazie all’idea di Diego Cammilleri, attore siciliano che ha lavorato per anni nella Prefettura di Vercelli, prima di sposare l’arte della recitazione. Cammilleri, infatti, colpito dalle vicende di Carlo Olmo e dalle sue incredibili donazioni durante il Covid – dalle migliaia di mascherine donate alle charity tour con 24 tonnellate di derrate alimentari portate con i pullman alle famiglie bisognose fino alle stanze degli abbracci per bambini e case di riposo – ha proposto a Olmo la sua idea.

Il film “Lupo Bianco”, prodotto dalla CinemaSet di Antonio Chiaramonte, ha preso parte anche al Festival del Cinema di Venezia 2021 e vede nel cast – oltre ai protagonisti Sebastiano Somma e Remo Girone – Morgana Forcella, Guia Jelo, Shi Yang Shi, Francesca Rettondini, Rosario Petix, Vincent Riotta, Monia Manzo e tanti altri.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter