Cerca

Arte e DesignArte e Design

Commenti: Vai ai commenti

I volti della politica e del potere nella Firenze dei Medici in mostra a New York

Dal 26 Giugno, al Metropolitan Museum la mostra "The Medici, Portraits & Politics, 1512–1570" con le opere di Raffaello, Bronzino, Pontorno, Cellini e altri

Ritratto di Giovane Uomo, Bronzino (fonte Met Museum.org)

Il prossimo 26 Giugno, presso il MET di NY – The Metropolitan Museum of Art – si terrà l’inaugurazione della mostra “I Medici, Portraits & Politics, 1512–1570”, una esposizione di altissimo livello, non solo artistico ma anche storico, sociale e politico, che raccoglierà oltre novanta opere realizzate dai più importanti artisti del Rinascimento Italiano, tra i quali Raffaello, Bronzino, Pontorno e Cellini. Dipinti e busti scultorei, ma anche medaglie, pietre preziose e intagliate, disegni, incisioni, manoscritti, armature provenienti dalle proprietà e dalle collezioni del Met in tutta Europa, Nord America e Australia. Ed anche un abito in velluto rosso appartenuto a Eleonora di Toledo, prestato dal Museo Nazionale di Palazzo Reale di Pisa. Un evento unico che permetterà di ammirare opere d’arte di valore inestimabile, nonché di ripercorrere la storia della città di Firenze negli anni in cui, tra il 1512 e il 1570, fu trasformata da repubblica in monarchia ereditaria.

La mostra, dunque, presenta lo splendore della città medicea attraverso i ritratti realizzati da artisti famosi, come pure il riflesso delle ambizioni politiche e culturali degli stessi personaggi ritratti, commissionati anche per rendere visibile al mondo il valore dell’“identità fiorentina” nel 1500. Soprattutto la figura di Cosimo I de’ Medici, fu quella che più di ogni altra, dettò il cambiamento dell’assetto politico della città, intuendo quanto l’arte e la cultura potessero influenzare la politica e contribuire a modificare Firenze, trasformandola da una realtà mercantile a capitale della dinastia medicea.

La mostra è stata organizzata in sei sezioni, ciascuna dedicata a una particolare fase del governo di Cosimo de Medici. La prima, “Dalla Repubblica al Ducato, 1512-1532“, è relativa agli anni che portarono Alessandro de’ Medici a diventare il Primo Duca di Firenze; la seconda sezione, intitolata “I Medici e Firenze, 1513-1537” si rifà ad alcune figure chiave della dinastia dei Medici, tra politici a Roma e detentori di ruoli di potere nella Chiesa Cattolica; la terza sezione, “Cosimo I de’ Medici: stirpe e dinastia“, ripercorre i ritratti della famiglia ducale commissionati al fine di rafforzare l’immagine autoritaria della famiglia medicea e affermare la continuità della dinastia. In questa sezione, oltre ai ritratti di Cosimo compaiono quelli dei figli del Bronzino, provenienti dalla Galleria degli Uffizi di Firenze e dal Museo del Prado di Madrid, ma anche di sua moglie, Eleonora di Toledo, il cui abito di velluto rosso, come accennato poc’anzi, è stato prestato dal Museo Nazionale di Palazzo Reale di Pisa.

The Metropolitan Museum of Art in New York City. Photo: Wikimedia Commons

La quarta sezione, “Una poetica del ritratto”, è relativa all’istituzione letteraria voluta da Cosimo, vale a dire, l’Accademia Fiorentina; mentre la quinta “Cosimo e la politica della cultura”, evidenzia la trasformazione della città tramite una serie di medaglie e altri oggetti che attestano l’evoluzione di Firenze. Nella sesta e ultima sezione, “Firenze e Roma: Bronzino e Salviati” è messo in evidenzia un confronto tra i due stili in competizione alla corte di Cosimo, ovvero l’arte fiorentina del Bronzino (poi imposto come stile ufficiale da Cosimo) e lo stile pan-italiano di Salviati.

La mostra è organizzata da Keith Christiansen, direttore del Department of European Paintings al Met(e tra i curatori della rassegna) e dal curatore Carlo Falciani, professore di storia dell’arte all’Accademia di Belle Arti di Firenze.

 

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter