Cerca

MusicaMusica

Commenti: Vai ai commenti

Dopo New York, i Maneskin sbancano Las Vegas allo show dei Rolling Stones

Vestiti a stelle e strisce, hanno riscosso l'entusiasmo di un Allegiant Stadium gremito. Sul palco è arrivato anche il ringraziamento di Mick Jagger

I Maneskin - ANSA/ UFFICIO STAMPA

I Maneskin ‘sbancano’ Las Vegas con un’esibizione di mezz’ora in apertura del concerto dei Rolling Stones che ha raccolto gli applausi convinti dei fan. Vestiti a stelle e strisce, Damiano, Victoria, Ethan e Thomas hanno riscosso l’entusiasmo dell’Allegiant Stadium gremito con i loro cavalli di battaglia, da ‘Zitti e Buoni’ a ‘I Wanna Be Your Slave’.

Per la band romana è arrivata anche dai social, subito scatenati con complimenti ed elogi, la conferma di un successo che dopo Sanremo e l’Eurovision Song Contest ha varcato l’oceano ed è diventato globale.

“Hello Las Vegas! È un onore essere qui e avere la possibilità di suonare sul palco della band più grande di sempre”, ha esordito il frontman Damiano, il cui nome è stato scandito più volte dal pubblico.

Molto applauditi gli ultimi successi, Mamma Mia e l’omaggio a Iggy Pop, con “I Wanna Be Your Dog” degli Stooges. L’ultimo brano, prima di passare la palla agli Stones, è stato “I Wanna Be Your Slave”.

La band ha centrato l’obiettivo di entusiasmare e “sciogliere” il pubblico suonando poi una decina di pezzi del loro repertorio, con l’immancabile cover di “Beggin” che li ha resi famosi negli Usa ed è disco di platino in America.

Il pubblico ha risposto con grande trasporto, segno che la band italiana è davvero il fenomeno musicale capace di portare il rock tricolore nel mondo. (Agi)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter