Cerca

SpettacoloSpettacolo

Commenti: Vai ai commenti

Il Sogno Americano di Mariela Garriga, la stella crescente sbarcata a Hollywood

Tra aneddoti e curiosità, l'attrice e imprenditrice cubana immigrata prima in Italia e poi a Los Angeles, ci racconta i sacrifici tra due continenti

di Gaia Ceccaroli

Mariela Garriga

“Ho ancora legami con l'Italia da quando, prima di tutto, ho sposato un italiano, quindi ho una nuova famiglia lì. E, secondo, perché l'Italia è il Paese che per primo mi ha aperto gli occhi sul mondo, lo adoro..."

Il saluto di questa settimana al sogno americano si concentra su una doppia immigrata: l’attrice, autrice, produttrice e imprenditrice Mariela Garriga, nata all’Avana, Cuba, immigrata in Italia nel 2009, e poi negli Stati Uniti nel 2016, dove adesso risiede a Los Angeles.

Mariela Garriga

Mariela Garriga è motivata, talentuosa e radiosa, con uno dei sorrisi più belli di tutta La-La Land. La sua indole è allo stesso tempo calma ed effervescente, nonostante dorma raramente.

Amici e colleghi spesso si meravigliano della sua capacità di destreggiarsi tra così tanti impegni, senza mai riposarsi in qualche modo.

Allora, Mariela, perché non dormi mai? 

“Studio e scrivo tutto il tempo, e ho riunioni online ogni giorno per i progetti che sto producendo. Non c’è tempo da perdere. Devo far valere tutti i giorni, perché sono lontana dalla mia famiglia. Vivono a Cuba e, a causa della posizione del regime politico sull’emigrazione, non possono andarsene”.

Sebbene sia difficile essere così lontani dalla famiglia, la tua passione e il tuo duro lavoro sono stati ripagati. Hai iniziato la tua carriera artistica giovanissima come modella e ballerina, che ti ha portato in Italia. Mentre eri a Milano, hai iniziato a studiare recitazione e in seguito hai continuato la tua formazione teatrale a New York presso il Terry Schreiber Studio e The Actors Studio. Ora dividi il tuo tempo tra l’Italia e gli Stati Uniti, realizzando film e serie TV. Cosa ti ha portato negli Stati Uniti per la prima volta? 

“Ho deciso di venire negli Stati Uniti [dall’Italia] perché la mia famiglia è a Cuba e siamo più vicini [a loro qui], e anche perché ho più opportunità come artista. La mia famiglia è lontana, quindi mi appoggio a mio marito e ai miei amici. Sono la famiglia “che ho scelto”.

Mariela Garriga

Recentemente hai interpretato il ruolo di Pietra Rey nella popolare serie d’azione della CBS “NCIS: Los Angeles” con Chris O’Donnell e Daniela Ruah, e hai ottenuto il plauso della critica per il tuo ruolo nel thriller psicologico “Bloodline”, in cui interpreti la protagonista femminile “Lauren Cole” al fianco di Seann William Scott e Dale Dickey. Chiaramente, stai inseguendo il tuo sogno americano come artista e fino ad ora hai raggiunto molti obiettivi lavorando instancabilmente. Qual è stato il ruolo che ha richiesto più studio e il minor numero di ore di sonno? 

“Il ruolo che ha richiesto il maggior sforzo è stato quello di Lauren Cole in ‘Bloodlin’ e perché è stato un momento di forte stress. Avevo dodici scene ogni giorno. Stavo facendo audizioni allo stesso tempo, quindi a volte facevo le audizioni per altri film la mattina e poi dovevo andare sul set e andare avanti. In quel mese stavano accadendo cosi tante cose che non riuscivo a dormire. Fin da quando ho ottenuto questo ruolo, sapevo che non dormire sarebbe stato il mio destino. Ho fatto il provino la sera prima alle 22:00. Avevo tre scene molto lunghe ed emozionanti da preparare per il giorno dopo alle 10:00.

Ho pensato: “Cosa?” Ma corro sempre dei rischi. Non ho dormito, ho studiato tutta la notte, sono andata all’audizione e ho ottenuto la parte! Interpretare il ruolo è stato molto impegnativo, poiché ho interpretato una mamma in depressione post partum con un marito psicopatico e non ho mai avuto queste due esperienze. Non sono una mamma, quindi, ho dovuto studiare. Ho intervistato molti amici e membri della mia famiglia che hanno figli per capire il processo del parto e cosa succede dopo… il che mi spaventa molto e nessuno ne parla. Le mamme sono dei veri eroi e non volevo mancare nessun aspetto del mio ritratto della maternità, quindi, ho dovuto lavorare molto duramente per essere realistica, a cominciare dalla scena del parto”.

Mariela Garriga

In Italia, la tua lista di crediti cinematografici e televisivi è notevole. Interpreti la protagonista femminile “Gina” con Edoardo Leo e Fabio de Luigi in “Gli Uomini d’Oro”, regia di Vincenzo Alfieri. Interpreti “Sally” nella commedia “Chi m’ha Visto”, regia Alessandro Pondi, al fianco di Pierfrancesco Favino e Beppe Fiorello. Sei anche stata una star ricorrente nella serie televisiva italiana di Sky “I Delitti del Barlume”, diretta da Roan Johnson, e hai interpretato “Remedios” nell’acclamata serie “L’Ispettore Coliandro” diretta da Manetti Bross per Rai TV. Dopo una lunga carriera di successo in Italia, l’hai lasciata definitivamente cinque anni fa, cosa puoi dire del “bel paese”? 

“Ho ancora legami con l’Italia da quando, prima di tutto, ho sposato un italiano [l’imprenditore digitale Stefano Mongardi] quindi ho una nuova famiglia lì. E, secondo, perché l’Italia è il Paese che per primo mi ha aperto gli occhi sul mondo, lo adoro”.

Sembra che tu abbia tre case. Cosa ne pensi di questi tre paesi unici? 

“Mi sento particolarmente fortunata a vivere a Los Angeles pur avendo una seconda e una terza casa in Italia e Cuba. Sono stata in grado di rafforzare la mia connessione con questi luoghi nel mio cuore, anche quando sono fisicamente distante dalle persone che vivono lì. Il mio sogno finale è di combinare le mie tre identità culturali in un progetto artistico in futuro”. 

Oltre alla recitazione, cosa ti appassiona di più? 

“Ho scritto e prodotto negli ultimi due anni. La mia passione è raccontare storie di vita reale, attraverso progetti che creano un impatto sociale e possono in qualche modo aprire gli occhi della società e dare la possibilità di esplorare ciò che sta accadendo in tutto il mondo e quanto siamo simili tutti noi, indipendentemente dalla cultura, religione… Ho un forte legame con la natura e non perdo occasione, ogni volta che ho l’opportunità, di proteggere l’ambiente e gli animali. Di recente, infatti, ho scritto e prodotto “E.L.I.” con Gabriel Beristain e Tatiana Luter, un documentario in cui natura, animali ed esseri umani si fondono insieme per uno scopo meraviglioso. Ventitré attrici da tutto il mondo sono coinvolte nel progetto [inclusa l’attrice Paz Vega]. Il documentario è in collaborazione con la Fondazione no-profit Earth League International”.

Mariela Garriga

Perché hai deciso di presentare solo donne in questo documentario? 

“Perché le donne rappresentano la Terra; siamo Madre Terra. Come donne, abbiamo sensibilità su ciò che sta accadendo nel mondo. Abbiamo empatia per ciò che sta accadendo. Abbiamo istinti e vorremmo creare un mondo migliore per i nostri figli. Ho pensato che fosse meglio ritrarre ciò che sta accadendo agli animali attraverso le donne in virtù della nostra sensibilità e senso di protezione”.

Il giorno del mio matrimonio qui a LA, sei diventata la mia salvatrice multi-tasking: sei stata la mia parrucchiera, la mia stilista e mi hai persino accompagnato in macchina al matrimonio. È chiaro che sei una persona poliedrica: sei un’attrice, un’autrice, una produttrice e un’imprenditrice. Sei il fondatore di Cuba2Day, una guida che insegna ai viaggiatori tutto ciò che devono sapere quando pianificano un viaggio sull’isola. Raccontaci di più su questa impresa. 

“Nel 2014, mi sono spostata negli Stati Uniti per studiare recitazione e ho scoperto che c’erano molte risposte alle domande su Cuba che gli americani non conoscevano. C’era “questa idea” di Cuba anche in Italia che può essere diversa sotto molti aspetti. “Ho vissuto lì [a Cuba]. Conosco la verità su ciò che sta accadendo e su ciò che è veramente importante per le persone che vivono lì. Non parlo di politica, ma parlo della cultura e di come la pensiamo. Ho ricevuto cosi tante domande, che con mio marito, abbiamo deciso di aprire quest’account per mostrare le zone più belle di Cuba. Volevamo guidare americani e italiani a realizzare il loro viaggio da sogno nella mia patria. Abbiamo iniziato, per gioco ad aprire uno spazio per le persone che potevano fare domande. È andata molto bene. Ho due appartamenti che affitto ai turisti e condivido con loro idee per trascorrere vacanze migliori, senza perdere tempo prezioso. Mi piace e mi diverto. Ora abbiamo persone che gestiscono l’attività per noi, ma il nostro cuore è in questo progetto”.

Mariela Garriga

Uno dei tuoi ultimi progetti prevede la condivisione delle tue conoscenze ed esperienze in DietroLeQuinte sul tuo canale YouTube, dove offri approfondimenti sulla recitazione e su come sopravvivere in questo business. Cosa ti ha ispirato a lanciare DietroLeQuinte

“Mi sveglio ogni mattina e ho tanti messaggi su Instagram. Persone dall’Italia, dagli Stati Uniti e dalla Germania del Regno Unito e da diverse parti del mondo. Mi chiedono come entrare nel mondo della recitazione. Non conoscevo nessuno [nel settore] quando ho iniziato questa carriera; Non sapevo come fare questo lavoro. Ho semplicemente seguito il mio istinto ed è andata bene, ma può essere difficile e frustrante. A volte vuoi arrenderti. Ci sono così tante informazioni là fuori e così tante quelle sbagliate, che rischi di perdere tantissimo tempo.

Dato che c’erano così tante persone che mi chiedevano di diventare un attore a Hollywood e come iniziare, ho deciso di rispondere a tutti aprendo un canale YouTube, prima in italiano, perché la maggior parte delle persone che mi scrivono sono italiane e penso che si meritino il loro spazio. In DietroLeQuinte parlo proprio di cose che non impari a scuola. Ho studiato in molte scuole, ma lì impari il mestiere della recitazione, non il percorso, il viaggio che i veri attori sperimentano passo dopo passo. L’obiettivo è guidare le persone che hanno questo sogno, ma non hanno informazioni. È una rete di persone molto chiusa. Gli artisti di solito non parlano del processo. Parlano quando diventano famosi, ma non raccontano la parte “sporca” – come e dove devi davvero andare, dove devi davvero studiare, cosa è veramente importante fare e cosa evitare.

Mariela Garriga

Guiderò i futuri artisti; intervisterò persone che hanno avuto un percorso difficile come il mio, da direttori dei casting, registi, autori, produttori e attori. Andremo anche in diretta e risponderemo a tutte le domande. È molto importante essere guidati nella prima parte della propria carriera; altrimenti si finisce per perdere molto tempo. Spero di aiutare le persone a realizzare i loro sogni in questo settore”.

Generosa, lavoratrice e poliedrica, Mariela Garriga non solo ha realizzato molti dei suoi sogni, ma è anche impegnata a costruire ponti per aiutare gli altri a fare lo stesso. La sua stella continua a crescere, sia in Italia sia a Hollywood, dopo anni di sacrifici e duro lavoro in due continenti.

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter