Cerca

Fabio Cammalleri

Il potere di giudicare e condannare una persona è, semplicemente, il potere. Niente può eguagliare la forza ambigua di un uomo che chiude in galera un altro uomo. E niente come questa forza tende ad esorbitare. Così, il potere sulla pena, nata parte di un tutto, si fa tutto. Per tutti. Da avvocato, negli anni, temo di aver capito che, per fronteggiare un simile disordine, in Italia non basti più la buona volontà: i penalisti, i garantisti, cioè, una parte. Forse bisognerebbe spogliarsi di ogni parzialità, rendendosi semplicemente uomini. Memore del fatto che Gesù e Socrate, imputati e giudicati rei, si compirono senza scrivere una riga, mi rivolgo alla pagina con cautela. Con me c’è Silvia e, con noi, Francesco e Armida, i nostri gemelli.

Fuori dal Coro

Politica -

Ragionando sui migranti in Sicilia, contagio Covid-19 e l’ultimatum di Musumeci

Primo Piano -

I carabinieri e “gli altri”: nello scandalo di Piacenza è la “funzione” che porta male

Politica -

Silvio Berlusconi, la condanna Mediaset e la disuguaglianza di fronte alla legge

Politica -

Giustizia da giustiziare: Palamara, ANM/Italia, l’autobiografia di una nazione

Politica -

Caso Bonafede: discorsi col voto in un Senato con ruffiani, pagliacci e quaquaraquà

Primo Piano -

Coronavirus: la pazienza dell’Italia è finita, ora serve un governo di competenti

Politica -

Attilio Fontana sulle Case di riposo per anziani disse: “E io che c’entro?”

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter