Cerca

Fabio Cammalleri

Il potere di giudicare e condannare una persona è, semplicemente, il potere. Niente può eguagliare la forza ambigua di un uomo che chiude in galera un altro uomo. E niente come questa forza tende ad esorbitare. Così, il potere sulla pena, nata parte di un tutto, si fa tutto. Per tutti. Da avvocato, negli anni, temo di aver capito che, per fronteggiare un simile disordine, in Italia non basti più la buona volontà: i penalisti, i garantisti, cioè, una parte. Forse bisognerebbe spogliarsi di ogni parzialità, rendendosi semplicemente uomini. Memore del fatto che Gesù e Socrate, imputati e giudicati rei, si compirono senza scrivere una riga, mi rivolgo alla pagina con cautela. Con me c’è Silvia e, con noi, Francesco e Armida, i nostri gemelli.

Fuori dal Coro

Politica -

Erdogan è un Dittatore: Mario Draghi e la responsabilità di una parola

Primo Piano -

“Chiedeva un avvocato”: quelle urla nel silenzio che si vuole su Giulio Regeni

Politica -

L’Antimafia di Nicola Morra: trivialità politica e nichilismo militante

Politica -

Quando l’unica direzione italiana sul covid-19 sembra: “Si salvi chi può”

Politica -

Speranza e Franceschini, a lezione di democrazia dal Capo della Polizia Gabrielli

Politica -

Italia al tempo del coronavirus: la scuola (e la vita) non diventi “uno sforzo immane”

Politica -

Ragionando sui migranti in Sicilia, contagio Covid-19 e l’ultimatum di Musumeci

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter