Cerca

ReligioniReligioni

Commenti: Vai ai commenti

Il Papa invita tutti a fare più figli: “L’inverno demografico va contro il nostro futuro”

Il Pontefice: "Tanti hanno perso la fiducia nell'andare avanti con i figli. È una tragedia". A Natale, invece, Francesco aveva parlato di morti sul lavoro

Pope Francis - ANSA/ETTORE FERRARI

Ribaltare l’inverno demografico che svuota le culle in Italia: “Facciamo di tutto per vincerlo. È contro le nostre famiglie, contro la Patria, contro il futuro”. Lo ha detto Papa Francesco all’Angelus.

“Mi viene in mente una preoccupazione vera, almeno qui in Italia”, ha detto il Pontefice, che ha dedicato ai temi della famiglia la sua riflessione di oggi, “sembra che tanti abbiano perso la fiducia nell’andare avanti con i figli. È una tragedia”.

A Natale il Papa aveva invece parlato di morti sul lavoro. “Nel giorno della Vita ripetiamo: basta morti sul lavoro! E impegniamoci per questo. Gesù nasce lì, vicino a loro, vicino ai dimenticati delle periferie. Viene dove la dignità dell’uomo è messa alla prova. Viene a nobilitare gli esclusi e si rivela anzitutto a loro: non a personaggi colti e importanti, ma a gente povera che lavorava. Dio stanotte viene a colmare di dignità la durezza del lavoro. Ci ricorda quanto è importante dare dignità all’uomo con il lavoro, ma anche dare dignità al lavoro dell’uomo, perché l’uomo è signore e non schiavo del lavoro”.

Pope Francis – ANSA/ANGELO CARCONI

“Dio ci chiede di prenderci cura dei più fragili che la pandemia rischia di emarginare ancora di più. Perché sia davvero Natale, non dimentichiamo questo: Dio viene a stare con noi e chiede di prendersi cura degli altri. Il Vangelo insiste su un contrasto. Racconta la nascita di Gesù cominciando da Cesare Augusto, che fa il censimento di tutta la terra: mostra il primo imperatore nella sua grandezza. Ma, subito dopo, ci porta a Betlemme, dove di grande non c’è nulla: solo un povero bambino avvolto in
fasce, con dei pastori attorno. Lì c’è Dio, nella piccolezza. Ecco il messaggio: Dio non cavalca la grandezza, ma si cala nella piccolezza. La piccolezza è la via che ha scelto per raggiungerci, per toccarci il cuore, per salvarci e riportarci a quello che conta”.

“Dio va in cerca dei pastori, degli invisibili; noi cerchiamo visibilità. Gesù nasce per servire e noi passiamo gli anni a inseguire il successo. Dio non ricerca forza e potere, domanda tenerezza e piccolezza interiore. Ecco che cosa chiedere a Gesù per Natale: la grazia della piccolezza. Ma che cosa vuol dire, concretamente, accogliere la piccolezza? Per prima cosa credere che Dio vuole venire nelle piccole cose della nostra vita, vuole abitare le realtà quotidiane, i semplici gesti che compiamo a casa, in famiglia, a scuola, al lavoro. È nel nostro vissuto ordinario che vuole realizzare cose straordinarie. Ed è un messaggio di grande speranza: Gesù ci invita a valorizzare e riscoprire le piccole cose della vita. Se Lui è con noi lì, che cosa ci manca? Lasciamoci allora alle spalle i rimpianti per la grandezza che non abbiamo. Rinunciamo alle lamentele e ai musi lunghi, all’avidità che lascia insoddisfatti. La piccolezza, lo stupore di quel bambino questo è il messaggio”. (Agi)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter