Cerca

Scienza e Salute

Il DNA di Hachimoji, un nuovo e più grande alfabeto genetico

Prodotta per la prima volta in laboratorio una molecola simile al DNA, che però utilizza ben 8 basi azotate

Il DNA di Hachimoji potrebbe avere molte applicazioni; i ricercatori mirano a creare sequenze di codici che possano svolgere funzioni specifiche, come, ad esempio, legarsi al DNA di cellule cancerose per funzionare come strumento di diagnosi, creare organismi ingegnerizzati che catturino e degradino sostanze inquinanti, o, ancora, creare sequenze genetiche per la produzione di proteine con un’azione farmacologica precisa

di Antonio Giordano

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter