Cerca

Scienza e Salute

In balia delle onde... elettromagnetiche. L'elettrosensibilità, malattia immaginaria?

Parte della popolazione occidentale è convinta di subire nefasti effetti mentre guarda la televisione. Cominceremo a usare un binocolo?

L’OMS dichiara che “non c’è alcuna base scientifica per associare i sintomi (dell’ES) all’esposizione ai campi elettromagnetici”. Lo scetticismo al riguardo è fortemente contestato dalle associazioni dei malati, diffuse in tutto il mondo, secondo le quali i loro aderenti soffrirebbero invece di sintomi che comprendono: emicranie ricorrenti, un senso di fatica generalizzato, disturbi del sonno, bruciori e altre irritazioni alla pelle, dolori muscolari e molti altri problemi ancora. La convinzione di soffrire della sindrome è sorprendentemente comune, al punto di diventare—che esista o meno—un problema di sanità pubblica. Già un’indagine inglese del 2007 ha trovato che, su un campione di 20mila persone, il 4% attribuiva problemi di salute all’effetto di onde elettromagnetiche.

di James Hansen

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter