Cerca

Scienza e SaluteScienza e Salute

Commenti: Vai ai commenti

La tecnologia serve a tutti e grazie a quella “assistiva” anche i disabili possono usarla

La rapida crescita delle innovazioni progettate per aiutare le persone a superare le loro disabilità potrebbe presto offrire una soluzione a ogni tipo di mobilità

Con lo sviluppo di ciò che è noto come "tecnologie assistive" sono previste più applicazioni di consumo per il mercato di massa (Unsplash/Possessed Photography)

Entro il 2030, Marco Aleman, funzionario dell'OMPI, ha affermato che "sarà una realtà (vedere) ulteriori progressi nell'interfaccia (cervello-macchina)

Dopo la crescita a due cifre del settore negli ultimi anni, l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale con sede a Ginevra ha affermato che le “tecnologie assistive”, come lettori di schermo e display Braille realizzate ad hoc per rendere utilizzabili i prodotti informatici a persone con disabilità, stanno trovando sempre più la loro strada nelle applicazioni di consumo del mercato di massa. Il risultato offre la possibilità di una maggiore autonomia per gli utenti nella negoziazione del loro ambiente, lavoro e vita domestica.

“Attualmente, una stima di un miliardo di persone in tutto il mondo beneficia di una tecnologia assistiva. Questa cifra dovrebbe raddoppiare entro il 2030 con l’invecchiamento della popolazione”, ha affermato Marco Aleman, vicedirettore generale, IP (proprietà intellettuale) e settore dell’ecosistema delle innovazioni. Oltre ai miglioramenti nei prodotti consolidati, compresi i sedili per sedie a rotelle o le ruote che possono essere regolate per terreni difficili, allarmi ambientali e dispositivi abilitati al Braille, l’OMPI ha affermato che i dispositivi “assistivi emergenti” sono cresciuti tre volte più velocemente tra il 2013 e il 2017, con un 17 per centesimo tasso di crescita medio annuo.

Marco Aleman (aleman.world)

I prodotti in questo settore includono robot assistivi in casa e prodotti indossabili per ipovedenti e occhiali intelligenti, secondo il “Rapporto sulle tendenze tecnologiche dell’OMPI 2021: tecnologie assistive”. Altri prodotti emergenti che dovrebbero prendere piede includono ausili per la deambulazione avanzati per il bilanciamento e bastoni “intelligenti”, protesi avanzate – tra cui neuroprotesi, protesi intelligenti e stampate in 3D – e “tute per esoscheletro”, indossabili per la parte inferiore e superiore del corpo, per aiutare con le faccende di sollevamento e migliorare la mobilità. “La tecnologia assistiva proveniva dalle applicazioni militari e ora vediamo aumentare le applicazioni nella produzione e nell’industria, quindi aiuta le persone a migliorare il loro potere, possono portare più peso, in modo che possiamo già vedere”, ha osservato Irene Kitsara, responsabile delle informazioni sulla proprietà industriale, IP and Innovations Ecosystem Sector presso WIPO.

Entro il 2030, il funzionario dell’OMPI ha affermato che “sarà una realtà (vedere) ulteriori progressi nell’interfaccia (cervello-macchina)… che ci consentiranno di controllare diversi dispositivi: computer, telefoni cellulari”. L’aiuto è anche molto più ampiamente disponibile rispetto al passato per le persone con difficoltà uditive, grazie ai recenti progressi tecnologici negli “apparecchi acustici controllati dalla mente e dall’ambiente, con impianti cocleari che rappresentano quasi la metà delle domande di brevetto”. Le aree di maggiore crescita dell’udito sono i dispositivi di conduzione ossea non invasivi (crescita annuale del 31%), ha fatto sapere l’OMPI. “Ora vediamo apparecchi acustici da banco, approvati dalla FDA negli Stati Uniti, che sono considerati un bene elettronico di consumo, ma possono servire a persone che non sono considerate persone con un limitazione funzionale in quanto tale, ma che altrimenti non trarrebbe beneficio da un apparecchio acustico”, ha affermato Irene Kitsara.

(pixabay)

La stessa trasformazione dei prodotti convenzionali in dispositivi “intelligenti” è destinata a raggiungere anche il settore dell’assistenza sanitaria personale, con innovazioni tra cui “pannolini intelligenti e robot assistenti all’alimentazione”, ha precisato l’OMPI. “Possiamo utilizzare le stesse applicazioni per la salute digitale e una salute migliore”, ha continuato Kitsara. “Di conseguenza, possiamo vedere più prodotti, possiamo vedere una maggiore concorrenza e qualcosa che era considerato un’area di nicchia e un prodotto specializzato con prezzi molto alti, inizia a scendere”. Cina, Stati Uniti, Germania, Giappone e Repubblica di Corea sono le cinque principali origini dell’innovazione nella tecnologia assistiva, come dimostrano le domande di brevetto. “Quando si tratta di università e centri di ricerca pubblici, le università cinesi dominano i vertici”, ha detto Aleman. “Se prendiamo i primi 100 candidati tra le 25 università e centri di ricerca, 20 sono cinesi, due americani, uno coreano, uno dalla Federazione russa e uno dal Giappone”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter