Cerca

Scienza e SaluteScienza e Salute

Commenti: Vai ai commenti

I cervelli in fuga possono tornare in Italia? Rispondono 15 ricercatori dagli Usa

Gli ospiti hanno parlato giovedì 18 novembre, in un forum organizzato da La Voce di New York e dall'American-Italian Cancer Foundation

Un momento del Forum

Il tetto delle 500 borse di studio è ampiamente stato superato. Oltre 500 laureati – per l’esattezza 520 – in medicina, chimica, biologia, scienze veterinarie hanno avuto la possibilità di fare ricerca nei laboratori delle più prestigiose università degli Stati Uniti grazie all’American Italian Cancer Foundation (AICF). Era il 1993, quando la fondazione mosse i primi passi ad opera dell’oncologo Umberto Veronesi e di Alessandro di Montezemolo e in meno di 30 anni ha dato la possibilità a 520 laureati in possesso del dottorato di fare una esperienza di ricerca negli Usa.

Grazie all’impulso de La Voce di New York, giovedì 18 novembre, con titolo “I cervelli in fuga possono tornare in Italia?”, è stato organizzato un webinar cui hanno partecipato 13 titolari della borsa di studio per l’anno 2021-2022, la direttrice esecutiva della Fondazione Cristina Aibino e due membri della commissione che ogni anno sceglie chi è meritevole di fare una esperienza di ricerca negli Usa: la professoressa Silvia Formenti, presidente del dipartimento di Radioterapia oncologica del Weill Corner e direttore associato del Meyer Cancer Center del Presbiterian Hospital di New York, e il professor Virgilio Sacchini, ordinario di chirurgia al Weill Medical College della Cornell University e dal 2016 ordinario di chirurgia presso l’Università Statale di Milano.

Il forum de La Voce di New York, coordinato dai giornalisti Antonio Carlucci e Giampaolo Pioli, ha focalizzato tre temi: attraverso il racconto delle direttrice esecutiva della fondazione Cristina Aibino, è stato illustrato il ruolo della Aicf come motore della possibilità per laureati italiani che hanno già l’esperienza di un dottorato di ricerca di ampliare le loro conoscenze con una ricerca nei laboratori delle università statunitensi.

I professori Silvia Formenti e Virgilio Sacchini hanno illustrato il lavoro della commissione che riceve e seleziona le domande di borsa di studio. La scelta, hanno spiegato Formenti e Sacchini, avviene esclusivamente sulla base delle proposte di ricerca che i candidati presentano e guardando la loro precedente esperienza e risultati ottenuti prima con la laurea e poi con il dottorato di ricerca.

Tredici post-doc titolari della borsa di studio dell’Aicf hanno quindi illustrato la loro esperienza: sia quella degli studi e delle ricerche che hanno consentito di essere accolti nei laboratori Usa a New York, Boston, San Francisco, Los Angeles, sia l’obiettivo e gli studi che stanno facendo attualmente. Tutti, indistintamente, hanno messo al centro dei loro interessi l’esperienza che stanno vivendo. Mentre, su quello che sarà il futuro e le scelte da fare hanno tutti ragionato sull’importanza del lavoro che stanno facendo e come i risultati che raggiungeranno saranno decisivi per le scelte da fare. Certo, all’orizzonte, resta comunque la domanda se tornare e come in Italia oppure se inseguire altre avventure di ricerca nel mondo. Dei tredici che hanno partecipato al forum, molti hanno espresso il desiderio di tornare soprattutto se per loro ci sarà la possibilità di fare ricerca e di essere valutati esclusivamente sulla base di quanto hanno fatto fino a quel giorno. Altri hanno immaginato un futuro nei laboratori di tutto il mondo, ovunque possano inseguire il loro sogno di giovani scienziati.

Questo porre al centro del futuro il lavoro di oggi ha spinto la professoressa Formenti a dire che questa generazione di ricercatori italiani va catalogata più che con la definizione di cervelli in fuga, come la generazione dei cervelli senza frontiere.

Il forum è ascoltabile sulla pagina Facebook de La Voce di New York.

 

Biografie degli ospiti:

Silvia Formenti

Silvia Chiara Formenti, M.D.

Presidente del Dipartimento di Radioterapia Oncologica presso Weill Cornell, Direttore Associato del Meyer Cancer Center e Radiation Oncologist in Chief presso il NewYork-Presbyterian Hospital. Ricercatrice prolifica, ha pubblicato oltre 190 articoli riconosciuti da riviste ad alto impatto come JAMA, Lancet Oncology, Journal of Clinical Oncology.

“Ho avuto la fortuna di far convergere con successo i miei interessi di radiobiologia e di ricerca clinica nella cura di molti malati di cancro. Nello specifico, nell’ultimo decennio il nostro gruppo ha dimostrato che la radioterapia locale può contribuire al rigetto immunitario del cancro: in presenza di blocco del checkpoint immunitario (anti-CTLA-4, anti-PDL-1) il tumore irradiato diventa un hub immunogenico, simile ad un vaccino. Coerentemente, alcuni pazienti con tumori metastatici possono quindi rifiutare metastasi che non sono state irradiate, un meccanismo chiamato “effetto abscopale”. Il contributo della radioterapia localizzata accresce significativamente il successo della moderna immunoterapia, offrendo un’applicazione aggiuntiva alla radiazione, una terapia anticancro standard e accessibile. Con l’immunoterapia, che acquisisce un ruolo importante nella gestione della maggior parte dei malati di cancro, è molto stimolante poter far convergere la radioterapia come potente adiuvante a questo approccio. Un’altra area distinta della nostra indagine riguarda il perfezionamento dei modi per irradiare al meglio il tessuto mammario nel cancro al seno, risparmiando completamente il cuore e i polmoni ed eliminando il rischio di tossicità tardiva cardiovascolare e polmonare dopo le radiazioni”.

Virgilio Sacchini

Virgilio Sacchini, M.D.

Virgilio Sacchini ricopre dal novembre 2016 il ruolo Professore Ordinario di Chirurgia presso l’Università Statale di Milano. Ha dal 2011 il ruolo Accademico di Professore Ordinario di Chirurgia al Weill Medical College of Cornell University di New York. Virgilio Sacchini si è laureato con lode presso l’Università degli Studi di Milano e specializzato in Chirurgia Generale ed Oncologia.

È stato dal 1997 al 2000 vicedirettore della Reparto di Senologia dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano. È dal 2000 Full Member Attendig Surgeon nel Servizio di Senologia del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. Negli ultimi 20 anni ha partecipato come ricercatore in molteplici studi clinici sulla terapia e chemioprevenzione del carcinoma mammario, alcuni dei quali condotti multicentricamente in Europa e coordinati dall’EORTC (European Organization for Research and Treatment of Cancer. È ora impegnato negli studi clinici condotti Istituzionalmente al Memorial Sloan-Kettering e a livello Nazionale Americano nel gruppo NASBP e RTOG.

È stato fino al settembre del 2011 membro del comitato di valutazione dei protocolli chirurgici istituzionali del Memorial Sloan Kettering (Surgical Protocol Committee MSKCC). È stato fino al settembre del 2011 membro del comitato di monitoraggio di tutti i protocolli del Memorial Sloan Kettering (Quality Control and Quality Assurance, data and Safety Monitoring Committee, MSKCC).  È dal 2010 Presidente del Comitato Etito dello Stato di San Marino.

Ha frequentato e passato con successo corsi di bioetica e conduzione di trials clinici: Dal 2005 è citato annualmente nei “Best Doctors of America”. È stato nominato “Eminent Scientist of the Year 2010” dal World Scientists Forum International Awards- Science & Medicine.

Nel corso della sua carriera ha pubblicato più di 190 articoli e capitoli in riviste mediche e in libri specialistici.

Elisa Bergaggio

Elisa Bergaggio, PhD

“Ho conseguito il dottorato di ricerca in Medicina Molecolare nel 2019 presso l’Università di Torino. Durante gli ultimi mesi del dottorato di ricerca, sono entrato a far parte del laboratorio del Dr. Roberto Chiarle al Boston Children’s Hospital, dove attualmente sto svolgendo il mio post-doc per trovare nuove terapie per il neuroblastoma, il tumore più mortale nei bambini. In particolare, la mia ricerca è focalizzata sulla generazione di cellule ALK chimeric antigen receptor (CAR)-T per colpire specificamente la proteina ALK espressa sulla superficie delle cellule di neuroblastoma. Questa strategia può eventualmente essere associata ad altri farmaci, compresi gli inibitori ALK, per migliorare l’esito del paziente”.

Elisa Bergaggio

Giuseppina Caligiuri, PhD

“Ho ottenuto il mio dottorato di ricerca nel gennaio 2020 presso l’Università di Glasgow e poi sono entrata nel laboratorio del Dr. David Tuveson al Cold Spring Harbor Laboratory per studiare il cancro al pancreas. Nonostante l’efficacia delle immunoterapie, la maggior parte dei pazienti affetti da cancro al pancreas ha bisogno di altre cure. Con il supporto dell’AICF, studierò i meccanismi alla base di questa resistenza all’immunoterapia. Studierò come KRAS, il gene che se mutato porta allo sviluppo del cancro del pancreas, dirotti le vie che vengono normalmente utilizzate dal sistema immunitario per combattere le infezioni per promuovere la crescita del cancro e inibire la funzione fisiologica delle cellule immunitarie”.

Luca Cappelli

Luca Cappelli, M.D.

“Sono un medico con un background in leucemia linfatica cronica e leucemia mieloide acuta. Attualmente sto trascorrendo un periodo presso Weill Cornell Medicine, come parte del mio dottorato di ricerca, concentrandomi sullo sviluppo di modelli di xenotrapianto tumorale derivati dal paziente di cancro ematopoietico. Il progetto a cui sto lavorando, con il supporto di AICF, propone una strategia per ingegnerizzare le cellule NK e migliorare le loro capacità di sopravvivenza, proliferazione e uccisione. Ciò potrebbe fornire un’alternativa alle cellule CAR-T in una serie di contesti clinici, tra cui l’induzione e il consolidamento/eradicazione minima della malattia residua”.

Tiziana Caputo

Tiziana Caputo, PhD

“Fin dai miei studi universitari, sono sempre stata affascinata dal cancro e dal metabolismo. Ho conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Losanna, dove ho studiato i meccanismi che regolano l’insorgenza dell’infiammazione nel tessuto adiposo bianco nel contesto dell’obesità. Mi sono poi trasferita al Joslin Diabetes Center, dove sono entrata a far parte del laboratorio di Laurie Goodyear. Qui indago le alterazioni metaboliche che portano allo sviluppo della cachessia nel cancro del polmone. Con il supporto di AIFC, miro a scoprire nuovi bersagli terapeutici che avranno un impatto significativo sulla prevenzione e/o sul trattamento della cachessia nei pazienti con cancro del polmone”.

Melody Di Bona

Melody Di Bona, PhD

“Il mio percorso di ricerca può essere riassunto come bridging disciplines: il mio background in biotecnologia e la passione per la microscopia sviluppata durante il mio dottorato di ricerca in fisica si fondono completamente nella mia attuale posizione postdoc nel laboratorio di instabilità cromosomica del Dr. Bakhoum presso MSKCC, New York. I tumori cromosomicamente instabili subiscono frequenti missegregation, con conseguente piccola struttura citosolica soggetta a rottura chiamata micronuclei. La loro rottura innesca una serie di eventi e percorsi con conseguente metastasi a distanza e prognosi sfavorevole. Il mio obiettivo è quello di svelare i meccanismi molecolari alla base della rottura micronucleare, fornendo obiettivi non sfruttati per il trattamento di questi tumori aggressivi”.

Maira Di Tano

Maira Di Tano, PhD
“Ho condotto il mio dottorato di ricerca presso l’Istituto FIRC di Oncologia Molecolare di Milano, dove ho studiato l’effetto degli interventi dietetici e farmacologici per tumori aggressivi che ospitano mutazioni nell’oncogene KRAS. Ora mi sono unito al laboratorio Cantley di Weill Cornell Medicine per perseguire il mio interesse per il metabolismo del cancro. Grazie al supporto dell’AICF, mi dedicherò allo studio della predisposizione genetica guidata da BRCA2 al cancro del pancreas, che è uno dei tipi di tumore più mortali. Studierò come le caratteristiche genetiche e metaboliche possono portare a vulnerabilità che possono essere terapeuticamente mirate e tradotte dal banco al capezzale”.

Michele Gabriele

Michele Gabriele, PhD

“Ho conseguito il dottorato di ricerca in System Medicine presso l’Istituto Europeo di Oncologia, durante il quale ho studiato l’impatto delle mutazioni dei regolatori della cromatina nelle malattie umane. Per il mio postdoc, mi sono trasferito al Dipartimento di Ingegneria Biologica del MIT. Qui, il mio obiettivo è comprendere e misurare la cinetica e la dinamica delle interazioni enhancer-promoter in un sistema fisiologicamente rilevante e capire come le alterazioni di questo processo siano responsabili della tumorigenesi. In particolare, utilizzerò Super Resolution Live-Cell Imaging per studiare l’espressione di FOXG1 e comprendere il ruolo delle sue interazioni potenziatore-promotore nella gliomagenesi”.

 

Lorenzo Gallicchio

Lorenzo Gallicchio, PhD

“Come dottorando presso l’Università di Manchester, ho studiato la regolazione dell’espressione genica da parte dei microRNA durante lo sviluppo embrionale di Drosophila. Sono particolarmente interessato a capire come le cellule indifferenziate adottino il destino terminale corretto, poiché gli errori nella differenziazione cellulare spesso provocano gravi malattie, tra cui diversi tipi di tumori e disturbi dello sviluppo. Per la mia formazione post-dottorato nel laboratorio Fuller, miro a capire come l’elaborazione differenziale degli mRNA nascenti influenzi le decisioni sul destino cellulare, utilizzando il testicolo drosophila come sistema modello. Grazie al supporto dell’AICF, utilizzerò le competenze di programmazione che ho sviluppato durante la mia laurea in Matematica e la mia esperienza in laboratorio per acquisire una comprensione a livello di genoma di come i cambiamenti nell’elaborazione dell’mRNA promuovono la differenziazione cellulare”.

Stefania Morganti

Stefania Morganti, M.D.
“Sono una borsista di oncologia medica presso l’Università degli Studi di Milano e l’Istituto Europeo di Oncologia. Il mio progetto di ricerca sarà finalizzato a studiare il significato dell’ematopoiesi clonale del potenziale indeterminato (CHIP) in pazienti con carcinoma mammario precoce. Esplorando la prevalenza di queste alterazioni nella diagnosi del cancro al seno e confrontando la loro presenza in pazienti che ricevono o non chemioterapia adiuvante, il progetto mira a caratterizzare CHIP in individui trattati per il cancro al seno. I risultati di questa indagine forniranno dati prognostici migliori per l’impostazione precoce della cura del cancro al seno, chiarendo il significato intrinseco del CHIP”.

Maria Moscvin

Maria Moscvin, M.D.
“Il mieloma multiplo (MM) e l’amiloidosi AL (AL) sono disturbi plasmacellulari caratterizzati dalla secrezione di immunoglobuline monoclonali. Sia MM che AL sono disturbi incurabili, con un bisogno terapeutico insoddisfatto. Il laboratorio del Dr. Bianchi al Brigham and Women’s Hospital studia i meccanismi molecolari dell’omeostasi proteica nei disturbi delle plasmacellule. Sono entrato a far parte del laboratorio a maggio 2019, supportato dalla borsa di studio AICF. Con immenso onore, sarò supportato da AICF per un secondo anno. L’obiettivo generale del mio progetto è quello di studiare come la neurotossina botulinica, come nuova strategia terapeutica, blocca il rilascio extracellulare di proteine cargo, induce una risposta proteica terminale dispiegata e causa citotossicità delle cellule MM/AL. Questo progetto è di interesse per il campo della biologia del cancro, in quanto farà luce sui meccanismi molecolari che regolano le vie secretorie nelle plasmacellule fisiologiche e nella controparte maligna”.

Maria Grazia Murrali

Maria Grazia Murrali, PhD
“Dopo aver conseguito il dottorato di ricerca in Biologia Strutturale presso la CERM-Università di Firenze, sono entrata a far parte del gruppo del Prof. Juli Feigon presso l’Università della California, Los Angeles. Il gruppo del Prof. Feigon sfrutta la spettroscopia NMR in combinazione con la microscopia elettronica per ottenere strutture dettagliate di complessi di RNA e ribonucleoproteine. Il mio progetto si concentra sullo studio strutturale dell’interazione tra il fattore di allungamento dell’HIV-1 Tat e il 7SK RNP e la sua regolazione dell’allungamento della trascrizione dell’HIV-1. Questi studi forniranno approfondimenti strutturali su questo meccanismo fornendo nuove strategie farmacologiche per combattere la latenza dell’HIV e nuovi strumenti per l’insorgenza del sarcoma di Kaposi nei pazienti affetti da AIDS”.

Alessandro Sammarco

Alessandro Sammarco, DVM, PhD
“Sono un veterinario e ho conseguito il dottorato di ricerca in Scienze Veterinarie presso l’Università di Padova, Italia. Il mio progetto mira a trovare nuove strategie terapeutiche per il trattamento delle metastasi cerebrali del cancro al seno. Durante il primo anno, nel laboratorio del dottor Breakefield al Massachusetts General Hospital, ho studiato l’efficacia terapeutica di un nuovo farmaco che ha come bersaglio la SCD1, un enzima coinvolto nel metabolismo dei lipidi. Durante il secondo anno, nel laboratorio del dottor Bensinger presso l’Università della California, Los Angeles, analizzerò il meccanismo metabolico lipidico delle cellule metastatiche del cancro al seno e delle cellule immunitarie, poiché il metabolismo lipidico in queste ultime contribuisce a determinare la loro funzione.

​Paolo Tarantino

Paolo Tarantino, M.D. 
“La scoperta di HER2 ha rivoluzionato il trattamento del cancro al seno negli ultimi due decenni. Affascinato da questa pietra miliare scientifica, durante la mia residenza in oncologia medica a Milano. Ho deciso di dedicare il mio percorso di ricerca allo studio di questo oncogene. Con il supporto dell’AICF Fellowship, inizierò un nuovo capitolo di ricerca presso il Dana-Farber Cancer Institute di Boston, per studiare l’implementazione ottimale di nuovi composti anti-HER2 nella clinica. Adattare l’intensità del trattamento con questi farmaci alle caratteristiche di ciascun paziente consentirà di massimizzare il loro valore terapeutico, migliorando in modo rilevante i risultati del paziente e la qualità della vita in futuro”.

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter