Cerca

Scienza e SaluteScienza e Salute

Commenti: Vai ai commenti

Dopo il vaccino Covid-19 ciclo mestruale più lungo? +1 giorno con la seconda dose

Sarebbe una "variazione temporanea" rivela un nuovo studio USA pubblicato sulla rivista Obstetrics & Gynecology

Donne e dolori mestruali (pixabay, @Saranya7)

Da quando sono iniziate le vaccinazioni contro il Covid-19, sono state molte le donne in tutto il mondo che hanno segnalato cicli mestruali irregolari. Alcune hanno lamentato ritardi, altre hanno riportato un’emorragia più abbondante o più dolorosa rispetto ai cicli precedenti. Altre ancora in postmenopausa hanno persino affermato di avere di nuovo le mestruazioni.

Un nuovo studio finanziato dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista Obstetrics & Gynecology ha scoperto che i cicli mestruali delle donne sono effettivamente cambiati dopo la vaccinazione contro il coronavirus,  aumentando di quasi un giorno rispetto alle non vaccinate. Il ritardo è aumentato a due giorni nelle donne che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino durante lo stesso ciclo mestruale.

Il dottor Hugh Taylor, presidente del dipartimento di ostetricia, ginecologia e scienze riproduttive di Yale Scuola di Medicina, ha affermato però che i cambiamenti osservati nello studio non sono pericolosi e si tratta di un fenomeno temporaneo. “Voglio assicurarmi di dissuadere le persone da quei falsi miti sugli effetti sulla fertilità – ha detto; – il ciclo tornerà regolare in uno o due mesi”.

“È rassicurante che lo studio abbia riscontrato solo un piccolo cambiamento mestruale temporaneo nelle donne”, ha spiegato in una dichiarazione Diana W. Bianchi, MD, direttrice dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development (NICHD) del NIH. “Questi risultati offrono, per la prima volta, l’opportunità di consigliare alle donne cosa aspettarsi dalla vaccinazione COVID-19 in modo che possano pianificare di conseguenza”. Questo è importante, poiché molti avevano espresso preoccupazione per il fatto che il vaccino aveva un impatto significativo e negativo sul ciclo mestruale.

Per le donne in postmenopausa che hanno sperimentato sanguinamento o spotting dopo la vaccinazione, il dottor Taylor aveva invece un messaggio diverso, avvertendo che potrebbe trattarsi di una condizione medica da valutare con un medico di fiducia.

Per capire in che modo il vaccino ha influito sul ciclo mestruale, i partecipanti hanno utilizzato l’app di monitoraggio della fertilità, Natural Cycles. I dati prelevati da coloro che hanno ricevuto il vaccino, per lo più i vaccini Pfizer e Moderna, hanno coperto tre cicli consecutivi prima di vaccinarsi e altri tre consecutivi, incluso quando è avvenuta la vaccinazione. I dati dei partecipanti non vaccinati coprivano sei cicli consecutivi. La prima dose del vaccino sembrava correlare con l’allungamento del ciclo di 0,71 giorni. La seconda dose l’ha vista correlata a un aumento di 0,91 giorni di lunghezza. Tuttavia, va notato che mentre ciò significava che il ciclo stesso sembrava essersi allungato, il numero di giorni di sanguinamento no.

Generalmente, il ciclo mestruale mensile negli esseri umani tende a variare leggermente tra i mesi. Tuttavia, secondo la Federazione Internazionale di Ginecologia e Ostetricia, una variazione di lunghezza è normale purché sia ​​inferiore a otto giorni. In quanto tale, questa variazione rientra nei limiti della normalità. Ecco perché nonostante quanto riportato dall’ultimo studio, è stato concluso che nessun cambiamento indicato è pericoloso. Infine, bisogna considerare che lo studio è stato incentrato a campione sui residenti negli Stati Uniti e per questo non è rappresentativo a livello nazionale e non può essere generalizzato alla popolazione.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter