Cerca

SportSport

Commenti: Vai ai commenti

La disfatta degli ottavi: fuori Ronaldo e Messi, continua il sogno di Neymar

Portogallo, Spagna e Svizzera eliminate a sorpresa dalle avversarie, la Russia resiste in casa

Si sono conclusi oggi gli ottavi di finale del Mondiale 2018. La Russia ha superato la Spagna ai rigori, l'Argentina di Messi è crollata dinanzi alla forza del diciannovenne Mbappé e della Francia e Cristiano Ronaldo ha lasciato la competizione dopo che il Portogallo non è riuscito ad arginare la coppia uruguagia Suárez-Cavani. Ai quarti, sfida travolgente tra Belgio e Brasile.

Dopo una fase a gironi a dir poco emozionante, il Mondiale è finalmente entrato nel vivo della competizione con gli ottavi. Francia-Argentina e Uruguay-Portogallo hanno dato il via ad una serie di risultati clamorosi, eliminazioni prevedibili, rigori e rimonte all’ultimo minuto.

Sabato 30 giugno sfida a distanza tra Lionel Messi e Cristiano Ronaldo. Giornata amara per entrambi dopo che la Francia del talento Kylian Mbappé, il diciannovenne attaccante del Paris Saint Germain, ha annientato la formazione sudamericana, complice la solita – pessima – prestazione della difesa e del centrocampo che Messi&Co. non hanno controbilanciato. Purtroppo per i sentimenti italiani, la squadra d’oltralpe sembra essere una delle più forti candidate al traguardo.

Kylian Mbappé, che in Francia-Argentina ha realizzato una doppietta (foto FIFA)

Il cinque volte pallone d’oro argentino, comunque, è stato raggiunto all’aeroporto dal suo eterno nemico già nel pomeriggio: nonostante l’1-1 parziale, infatti, il Portogallo non è stato in grado di arginare la devastante coppia Suárez-Cavani. Proprio il Matador ha realizzato due reti eccezionali prima di uscire dal campo, sorretto da Cristiano Ronaldo, tra le lacrime e gli applausi degli spettatori per il fair play del portoghese.

Edinson Cavani durante Uruguay-Portogallo (foto FIFA)

Straordinari per giocatori e tifosi nella seconda giornata, con Spagna-Russia e Croazia-Danimarca terminate ai rigori dopo il pareggio dei supplementari. I social si sono scatenati quando la Russia ha battuto gli iberici 4-3 dal dischetto in una partita lenta e poco spettacolare, ma difficilmente i padroni di casa, giunti sin qui grazie ad un girone agevole, potranno superare lo scoglio dei quarti di finale.

Ad attenderli ci sarà la Croazia, reduce da un altro match finito dopo 120′ contro la Danimarca. 1-1 nei primi quattro minuti, con i nordeuropei subito in vantaggio prima del gol di Mario Mandzukic. Dagli undici metri serve fermezza, coraggio e fortuna, e se la Russia ha vinto la lotteria dei rigori, la dea bendata non ha baciato invece la Danimarca.

La Croazia prima dei rigori (foto FIFA)

La sconfitta 3-0 contro la Svezia e il secondo posto nel gruppo erano un chiaro segnale d’allarme per il Messico, che esce dal Mondiale eliminato dalla Seleção. Dopo il gol di Neymar ci ha pensato Firmino, a due minuti dalla sostituzione, a distruggere le speranze dei centroamericani. La vittoria del Brasile ci regala la possibilità di vedere uno dei più travolgenti quarti di finale, dove i verdeoro incontreranno i Diavoli Rossi.

O Ney in Brasile-Messico (foto FIFA)

Una delle favorite di questo Mondiale, il Belgio ha rischiato di entrare a far parte del club della disfatta dopo aver subito due gol dei nipponici nel corso del secondo tempo. Con Marouane Fellaini e Nacer Chadli dentro per Dries Mertens e Yannick Ferreira Carrasco, il team non ha solamente azzerato il passivo, ma è riuscito pure ad evitare i supplementari ribaltando il punteggio al 94’.

I Diavoli Rossi al termine della partita, vinta 3-2 al 94′ (foto FIFA)

Per concludere, si sono giocate oggi Svezia-Svizzera (1-0) e Colombia-Inghilterra (1-1 al 93’, vittoria 4-3 ai rigori per gli inglesi). Quando la Svezia eliminò l’Italia a novembre, nessuno avrebbe pensato che gli scandinavi potessero procedere così in fondo nel tabellone. Il calcio, però, segue dinamiche che spesso sfuggono alla logica del ranking FIFA. È per questo che diverte e che fa piangere. Ed è per questo che Colombia-Inghilterra è stata decisa all’ultimo rigore di Eric Dier.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter