Cerca

SportSport

Commenti: Vai ai commenti

Djokovic è bloccato sotto controllo degli agenti al Park Hotel di Melbourne

Dopo il ricorso dei suoi avvocati, i magistrati sono di nuovo chiamati a pronunciarsi sull'annullamento del visto. La sentenza stavolta sarà senza appello

Novak Djokovic during a practice session ahead of the Australian Open, 14 January 2022 - ANSA/EPA/DIEGO FEDELE AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Sarà un tribunale federale composto da tre giudici a decidere la sorte di Novak Djokovic in un’udienza fissata per le 9,30 locali di domenica. Il tennista numero uno del mondo è nuovamente in stato di fermo al Park Hotel, la struttura di detenzione per immigrati richiedenti asilo di Melbourne, e sarà controllato da due agenti dell’immigrazione fino alla sentenza.

I magistrati chiamati a pronunciarsi sul secondo annullamento del visto di lavoro al 34enne campione serbo No-Vax deciso dal governo australiano sono James Allsop, Anthony Besanko e David O’Callaghan. La sentenza sarà senza appello se non davanti alla Corte Suprema.

Il governo australiano in una memoria ha richiesto al tribunale l’espulsione di Djokovic perché la presenza in Australia del più forte tennista del mondo non vaccinato contro il Covid “potrebbe incoraggiare il sentimento contro i vaccini”. abnche per lo “status di alto profilo e il suo essere un modello nella comunità dello sport”. (Agi)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter