Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Moynihan Train Hall, dal 1° gennaio la nuova sala treni alla Penn Station di NYC

New York non si è fermata e il progetto di espansione, lanciato da Cuomo nel 2016, amplierà del 50% la seconda stazione più trafficata

Una rappresentazione virtuale di come sarà la Moynihan Train Hall. (Foto: ufficio del Governatore, https://www.governor.ny.gov/)

L’espansione della Penn Station nel vecchio edificio dell’ufficio postale di James A. Farley sarà completata entro la notte di Capodanno. Secondo l’ufficio del governatore di New York, Andrew Cuomo, le operazioni nella nuova Moynihan Train Hall dovrebbero iniziare ufficialmente il 1°gennaio. Il progetto da 1.6 miliardi di dollari trasforma il secolare edificio in uno snodo di transito che aumenterà le dimensioni di Penn Station del 50%.

“I newyorkesi sanno da decenni che Penn Station deve essere reinventata e, dopo anni di lavoro, la Moynihan Train Hall aprirà nei tempi previsti, e rispettando il budget, alla fine del 2020”, ha affermato Cuomo in una conferenza stampa. Il piano della costruzione di questa struttura di 255.000 piedi quadrati era stato annunciato per la prima volta in un discorso nel 2016 dal governatore. La costruzione è poi iniziata nel 2017, ed il nome è dedicato al senatore di New York, Daniel Patrick Moynihan, che ha sostenuto il progetto per anni. 

elisabetta terragni-t3

Una foto d’epoca della Penn Station

Il piano di espansione è stato discusso per decenni e criticato da molti come un “centro commerciale finanziato dai contribuenti” che in realtà avrebbe fatto poco per migliorare il servizio ferroviario. A gennaio, Cuomo ha presentato un progetto per aggiungere otto nuovi binari e aumentare la capacità di Penn Station del 40% attraverso l’acquisizione di un intero isolato a sud del centro di transito di Midtown per costruire questo nuovo terminal.

La Moynihan Train Hall è collegata alla Penn Station tramite passaggi sotterranei e sarà decorata con un passaggio in vetro alto 92 piedi, ampie aree di attesa per i viaggiatori, WiFi gratuito, un’area lounge per le madri che allattano e altri “lussi” simili. Amtrak, la famosa compagnia di trasporto americana, ha pubblicato un video su Twitter, mostrando ai futuri viaggiatori che cosa si potranno aspettare di vedere nel nuovo terminal, e come funzionerà.

Ecco come sarà il nuovo terminal, secondo il video postato su Twitter da Amtrak. (Foto: Amtrak)

L’ufficio del governatore ha detto che il team ha evitato che la pandemia di COVID-19 causasse ritardi, grazie “all’implementazione di significativi protocolli di sicurezza sanitaria e all’innovazione dei programmi di lavoro” per proteggere i lavoratori. Il progetto è stato una partnership tra Empire State Development, Vornado Realty Trust, Related Companies, Skanska, MTA e LIRR, Amtrak e l’Autorità Portuale di New York e New Jersey.

“Questo traguardo monumentale dona un po’ di speranza, mentre si cerca di superare uno dei periodi più bui della storia, e allo stesso tempo invia un chiaro messaggio al mondo che, sebbene la crisi sanitaria stia causando non poche sofferenza, non impedisce di sognare in grande e di costruire per il futuro,” ha affermato Cuomo. Nonostante le buone notizie per il sistema di transito della regione, il progetto Gateway, che consisterà nella costruzione di un nuovo tunnel che collega NJ a New York, e riparerà il tunnel esistente danneggiato dall’uragano Sandy, rimane fermo, dato che manca il sostegno federale per finanziare il progetto multimiliardario.

Un’espansione così imponente di Penn Station, una delle stazioni più trafficate di NYC, avrà un fortissimo impatto sulle vite di milioni di passeggeri che, ogni settimana, entrano ed escono dalla città, e sopratutto, dal momento che offrirà più spazio per l’attesa, favorirà il distanziamento sociale. Insomma, il termine ed il successo, di questo progetto è come una luce alla fine del tunnel per tanti newyorkesi, che nonostante le fatiche sofferte negli ultimi mesi, possono consolarsi nel vedere che la loro città non si ferma mai.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter