Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

New York ritarda l’assistenza per gli affitti, Cuomo promette la consegna entro luglio

$46 miliardi stanziati dal Congresso prima degli sfratti di agosto. Dopo mesi di stallo, le autorità newyorkesi iniziano a spedire i fondi ai residenti idonei

Marzo 2020, Times Square, New York, una delle piazze più affollate del mondo, vuota a causa dell'emergenza sanitaria (Terry W. Sanders)

A partire dai primi mesi del 2021, il governo federale USA ha dato inizio al programma di assistenza emergenziale per gli affitti, chiamato ERA. Il Congresso ha stanziato $46 miliardi per sostenere le famiglie che, per via delle perdite economiche dovute alla pandemia di COVID-19, sono impossibilitate a pagare gli affitti e rischiano lo sfratto. Il programma offre ai cittadini fino a 12 mesi di affitto e utenze arretrate, e un massimo di tre mesi di spese future. Ad oggi, però, sono stanziati solo poco più di $3 miliardi provenienti da questi fondi.

Il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) ha richiesto e prolungato una sospensione degli sfratti durante gran parte del 2020 e del 2021, la cui fine è però prevista per il 31 di questo mese. Per questo motivo, metà delle richieste totali presentate dai cittadini americani è arrivata nel mese di giugno, e si prospetta che le domande saranno abbondanti anche a luglio.

Il Congresso ha distribuito la somma di denaro tra i diversi Stati, erogandone alcune parti anche alle municipalità più grandi, come New York. I cittadini in grado di dimostrare il proprio bisogno economico possono richiedere gli aiuti, che devono essere utilizzati per pagare affitti e bollette tramite il sito del loro Stato o della loro città.

Lo stato di New York, a cui sono stati allocati $2.7 miliardi di dollari per questo programma, ha aperto le domande nel giugno di quest’anno, e ha iniziato fin da subito a ricevere migliaia di richieste da residenti che hanno perso il lavoro nell’ultimo anno e che non guadagnano abbastanza per pagare gli affitti. New York è lo stato del paese con la maggior quantità di persone che vivono in affitto, ed è quindi scontato che una grande percentuale della popolazione faccia domanda per questo tipo di programma.

Andrew Cuomo, governatore dello stato di New York – flickr

Ad oggi, però, in pochissimi hanno ricevuto i fondi che gli erano stati promessi: alla fine di giugno, New York era uno di soli due stati a livello nazionale a non aver ancora iniziato a distribuire il denaro alle famiglie. A detta delle autorità statali, $100.000 dollari circa sono stati spediti all’inizio di luglio, per testare il sistema di pagamento utilizzato dal programma, mentre le somme più grandi sarebbero state inviate a partire dalla settimana scorsa.

Questo lunedì, l’ufficio del governatore Cuomo ha annunciato un maggior impegno da parte dello stato nell’inviare i soldi alle famiglie bisognose, promettendo che tutti riceveranno ciò che gli è dovuto entro il 31 agosto, così da evitare gli sfratti. A partire da questo martedì, inoltre, il sistema utilizzato per fare richiesta verrà semplificato, sia per inquilini e padroni di casa che per i lavoratori statali che dovranno esaminare le domande con rapidità.

Nelle prossime settimane, quindi, lo stato di New York aiuterà non solo le 160.000 famiglie che hanno già fatto domanda per i fondi stanziati dal governo federale, ma anche gli altri residenti idonei che possono inviare le loro richieste al sito https://nysrenthelp.otda.ny.gov/en/.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter