Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Alla Maratona un italiano sul podio e New York “sulla strada della guarigione”

È arrivato terzo Eyob Faniel, che ha corso alle Olimpiadi di Tokyo. Le testimonianze di Vincenzo Pascale e Federico Rampini, giornalisti maratoneti

Un gruppo di maratoneti taglia il traguardo, dopo aver corso 42km.

maratona ny 7

Un gruppo di maratoneti taglia il traguardo, dopo aver corso 42km.

Una donna in sedia rotelle partecipa alla maratona.

maratona ny 3

Una donna in sedia rotelle partecipa alla maratona.

Alcuni dei 33.000 podisti che hanno partecipato alla cinquantesima edizione della maratona.

maratona ny 4

Alcuni dei 33.000 podisti che hanno partecipato alla cinquantesima edizione della maratona.

Tre uomini corrono sotto ad un ponte, durante la maratona di New York.

maratona ny 1

Tre uomini corrono sotto ad un ponte, durante la maratona di New York.

Il pubblico incita i partecipanti alla maratona.

maratona ny 2

Il pubblico incita i partecipanti alla maratona.

Tre donne nel corso della Maratona, che rocca tutti e cinque i distretti di New York.

maratona ny 5

Tre donne nel corso della Maratona, che rocca tutti e cinque i distretti di New York.

Una coppia festeggia alla fine della maratona, a Central Park.

maratona ny 6

Una coppia festeggia alla fine della maratona, a Central Park.

Alcuni dei partecipanti alla cinquantesima maratona di New York.

Maratona_4_1121_LVN

Alcuni dei partecipanti alla cinquantesima maratona di New York.

Amici e familiari tifano per i loro cari durante la maratona.

Maratona_9_1121_LVN

Amici e familiari tifano per i loro cari durante la maratona.

Molti dei partecipanti hanno corso con una maglia rappresentante il loro paese d'origine, per ricordare gli stranieri che, quest'anno, non hanno potuto correre la maratona.

Maratona_10_1121_LVN

Molti dei partecipanti hanno corso con una maglia rappresentante il loro paese d'origine, per ricordare gli stranieri che, quest'anno, non hanno potuto correre la maratona.

Alcuni dei podisti su uno dei ponti di New York, durante la maratona.

Maratona_11_1121_LVN

Alcuni dei podisti su uno dei ponti di New York, durante la maratona.

Uno dei maratoneti sventola una bandiera americana durante il percorso.

Maratona_12_1121_LVN

Uno dei maratoneti sventola una bandiera americana durante il percorso.

Una corritrice dimostra il suo patriottismo con un outfit a tema USA.

Maratona_13_1121_LVN

Una corritrice dimostra il suo patriottismo con un outfit a tema USA.

Un gruppo di maratoneti durante il percorso, vicino al Central Park.

Maratona_14_1121_LVN

Un gruppo di maratoneti durante il percorso, vicino al Central Park.

L'arrivo della maratona, vicino al famoso ristorante Tavern On the Green.

Maratona_15_1121_LVN

L'arrivo della maratona, vicino al famoso ristorante Tavern On the Green.

Alcuni podisti celebrano l'aver raggiunto la

Maratona_17_1121_LVN

Alcuni podisti celebrano l'aver raggiunto la "finish line" alla maratona di New York.

Celebrazioni all'arrivo della Maratona di New York.

Maratona_18_1121_LVN

Celebrazioni all'arrivo della Maratona di New York.

Ogni partecipante alla Maratona di New York, una delle più famose al mondo, riceve una medaglia.

Maratona_19_1121_LVN

Ogni partecipante alla Maratona di New York, una delle più famose al mondo, riceve una medaglia.

Diverse vie di New York sono state chiuse per permettere il passaggio dei partecipanti alla Maratona.

Maratona_21_1121_LVN

Diverse vie di New York sono state chiuse per permettere il passaggio dei partecipanti alla Maratona.

Espressioni entusiaste a pochi metri dal traguardo della Maratona di New York.

Maratona_22_1121_LVN

Espressioni entusiaste a pochi metri dal traguardo della Maratona di New York.

Servizio fotografico di Terry W. Sanders

Sono tornati in pista i corridori della Maratona di New York, dopo un tanto sofferto anno di pausa

Nella prima domenica di novembre, migliaia di uomini e donne allenatissimi hanno attraversato di corsa i cinque distretti della città, partecipando alla cinquantesima edizione di una delle maratone più rinomate al mondo. 

 Eppure quest’anno la maratona è stata molto diversa da quelle precedenti, in primo luogo per folla di atleti, che da 50.000 è passata a 33.000. I confini, infatti, riapriranno proprio domani, 8 novembre, per i turisti, non permettendo per esempio ai 3000 italiani che partecipano, tipicamente, alla gara di raggiungere la grande mela. 

Per ben quattro volte, dagli anni 80, un’italiano è riuscito a vincere la gara: due volte Orlando Pizzolato, nell’84 e nell’85, Gianni Poli l’anno seguente, Giacomo Leone nel 96 e Franca Fiacconi, che ha vinto la competizione femminile nel 98. 

“New York è da sempre la maratona degli italiani,” ha detto Vincenzo Pascale, giornalista e podista veterano alla sua 14esima maratona qui a New York. “Proprio ieri ho fatto un webinar con due vincitori, Gianni Pioli e Franca Fiacconi, e ci chiedevamo quando sarebbe tornata ad essere vinta da italiani.”

Vincenzo Pascale, giornalista e veterano della maratona di New York alla sua 14esima edizione. (Foto/Vincenzo Pascale)

Pascale è arrivato al traguardo, di fronte al ristorante Tavern On the Green di Central Park, 3 ore e 34 minuti dopo la partenza. Il suo obiettivo era di non superare le 3 ore e 35 minuti, qualificandosi per la maratona di Boston dell’anno prossimo. “Sono soddisfatto, ma sono stanco,” ha commentato.

Quest’anno i pochi italiani presenti si sono fatti notare. In un 2021 in cui la nostra nazione ha vinto di tutto, dagli europei di calcio all’Eurovision, l’italiano Eyob Faniel ha ricevuto la medaglia di bronzo, dopo aver lottato per due ore e nove minuti per il primo posto. Faniel, che è arrivato ventesimo alle Olimpiadi di Tokyo, è diventato il primo maratoneta europeo a salire sul podio di New York negli ultimi dieci anni. I primi arrivati, tra gli uomini, sono stati Alberto Korir, keniano che ha raggiunto il traguardo solo un minuto e mezzo prima di Faniel, e il marocchino Mohamed El Aaraby (2 ore, 9 minuti e 6 secondi).

Federico Rampini, giornalista per tanti anni di Repubblica inviato negli USA e da pochi giorni passato al Corriere della Sera, ha partecipato alla maratona per la sua settima edizione, raggiungendo il traguardo in 4 ore e venti minuti. Alla sua settima edizione, Rampini ha percepito il ritorno della maratona come una sorta di rinascita per la città. 

Federico Rampini, giornalista alla sua settima Maratona di New York. (Foto/Federico Rampini)

“È stato meraviglioso, mi ha dato un senso di liberazione e ritorno alla normalità. È uno dei tanti segnali, ma non l’unico, che per molti aspetti possiamo considerare la pandemia come una terribile esperienza che si sta chiudendo,” ha commentato Rampini.

Dopo aver partecipato a diverse maratone in città, i due intervistati non possono che essere d’accordo sul segmento con la vista più impressionante: l’inizio sul ponte di Verrazzano, a Staten Island. 

“Per la prima volta ho corso sulla parte superiore del Verrazzano Bridge e avevo due elicotteri sopra di me, che io immaginavo mi seguissero,” ha spiegato Pascale. “È stato un momento incredibile, con una vista straordinaria sulla città e sul bacino che separa Manhattan e Staten Island”.

La maratona ha rappresentato New York come una città splendida, quasi tornata in salute. Secondo Rampini, però, rimangono ancora molti dei danni dell’ultimo biennio, e delle conseguenti incertezze. “New York è in convalescenze, sulla strada della guarigione”.

“Voglio invitare tutti i lettori della Voce di New York qui negli Stati Uniti a cimentarsi nella maratona almeno una volta,” ha suggerito Pascale. “Se poi la maratona fosse troppo faticosa, ricordo che la prima domenica di giugno si terrà l’Italy Run, per festeggiare la Festa della Repubblica. Abbiamo sette mesi, c’è tempo. Amici italiani, iniziate a correre. La corsa è poesia e fa conoscere bella gente”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter