Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Broadway non ha nessuna intenzione di chiudere per colpa della variante Omicron

Lo dichiara Charlotte St. Martin, presidente della Broadway League, convinta che gli spettacoli possano continuare in perfetta sicurezza seguendo i protocolli

Broadway theaters full of life in 2014 - Photo: Terry W. Sanders

Nonostante la variante Omicron continui a crescere a New York e alcuni spettacoli abbiano annullato o posticipato i loro appuntamenti, Broadway non ha intenzione di chiudere le porte.

A dirlo è Charlotte St. Martin, presidente della Broadway League che rappresenta proprietari e produttori di teatri. “Non abbiamo assolutamente intenzione di chiudere  – ha detto lunedì a The Hollywood Reporter – stiamo prestando molta attenzione ai protocolli, la nostra priorità numero uno è la sicurezza e se parliamo così è perchè abbiamo le informazioni che ci consentono di dire che sia sicuro aprire per il cast, la troupe e il pubblico. Se non ci sentissimo sicuri, non ci esibiremmo”.

La scorsa settimana, quasi una dozzina di spettacoli hanno annullato le esibizioni a causa della diffusione del coronavirus tra cast e troupe. È stato il maggior numero di spettacoli messi in pausa da quando, all’inizio dell’autunno, Broadway è tornata a illuminarsi.

Questa settimana, la situazione è andata peggiorando: Hamilton, Aladdin, Dear Evan Hansen, Ain’t Too Proud e Hadestown, titoli famosi e cari al grande pubblico, hanno annunciato che annulleranno tutte le esibizioni almeno fino a Natale. Anche MJ ha annullato i programmi previsti prima del 25 dicembre, e la nuova commedia in arrivo, Skeleton Crew, ha ritardato la sua anteprima fino al 16 gennaio.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter