Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

“Cheers!”, New York vuol rendere definitiva la vendita di alcol to-go

La pandemia l'aveva resa legale in 33 stati, incluso NYC. Con la revoca del luglio 2021, le proteste dei ristoratori. Ora la decisione è in mano alla legislatura

La governatrice di New York, Kathy Hochul, a Manhattan (U.S. Army National Guard photo by Sgt. Sebastian Rothwyn)

Brindando alla salute dei newyorkesi, la governatrice di New York, Kathy Hochul, vorrebbe legalizzare definitivamente la vendita di vino, birra e cocktail d’asporto.

Ad inizio pandemia, nel marzo del 2020, quando i ristoranti locali hanno dovuto chiudere, New York è diventato uno dei 33 stati a legalizzare temporaneamente la vendita di alcolici da asporto tramite un ordine esecutivo dell’ex governatore Andrew Cuomo. All’epoca, solo la Florida ed il Mississippi lo permettevano, in situazioni eccezionali. 

Da luglio del 2021, con la totale riapertura dei locali, l’iniziativa era stata revocata nonostante le proteste di ristoratori e proprietari di pub. I newyorkesi più attenti però, continuavano ad evitare i luoghi chiusi e le vendite di drink non sono più tornate ai livelli pre-pandemia. 

Considerate le difficoltà economiche dei businessman negli ultimi due anni, quindi, la governatrice Hochul ha aggiunto la vendita di bevande alcoliche al Recovery Plan, un piano di ripresa da $10 miliardi di dollari rivolto ai piccoli imprenditori, che prevede crediti d’imposta per le spese relazionate al Covid e finanziamenti. “Migliaia di bar e ristoranti locali, l’anima dei nostri quartieri, hanno dovuto chiudere”, ha ricordato Hochul. “Faremo qualcosa che i proprietari continuano a chiederci: torneremo a permettere la vendita di bevande da asporto – che l’anno scorso ha rappresentato un flusso di entrate fondamentale”.

Andrew Rigie, direttore esecutivo dell’alleanza dell’ospitalità newyorkese, ha ringraziato la governatrice per l’iniziativa, che considera vitale per la sopravvivenza di bar e ristoranti locali, e che per di più è anche supportata dal pubblico. “Non vediamo l’ora di brindare alla sua amministrazione e alla legislatura statale quando verrà ufficialmente ripristinata quest’importante normativa”, ha commentato. Ma perché l’idea di Hochul diventi legge dovrà essere firmata nei prossimi mesi dall’Assemblea e dal Senato di New York.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter