Cerca

New YorkNew York

Commenti: Vai ai commenti

Prima neve a New York: tanto attesa, ma esaspera i disagi provocati dalla pandemia

Caduti 15 centimetri durante la notte. MTA e il Dipartimento di Sanità in crisi per poco staff. 300 voli cancellati. Adams tiene aperte le scuole

New York, 7 gennaio, 2022: Central Park (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: Central Park (Foto di Terry W. Sanders)

7 gennaio, 2022: Bryant Park, Manhattan (Foto Terry W. Sanders)

7 gennaio, 2022: Bryant Park, Manhattan (Foto Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: la carrozza di Central Park,  (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: la carrozza di Central Park, (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022 (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022 (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: Rockefeller Center (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: Rockefeller Center (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022:  la statua di Sherman davanti a Central Park (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: la statua di Sherman davanti a Central Park (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: immondizia sotto la neve (Foto di Terry W. Sanders)

New York, 7 gennaio, 2022: immondizia sotto la neve (Foto di Terry W. Sanders)

Servizio fotografico di Terry W. Sanders

La prima nevicata della stagione ha finalmente colpito New York, che si è svegliata questo venerdì 7 gennaio ricoperta da quasi 15 centimetri di candore.

La tempesta si è fatta attendere. Per tutto dicembre, infatti, i meteorologi avevano predetto bufere di diverse intensità, che però non hanno mai raggiunto la città. Sebbene di portata minore rispetto a quelle degli anni passati, la nevicata di oggi ha messo in difficoltà molti newyorkesi diretti al lavoro nelle prime ore del mattino. Oltre 300 voli sono stati cancellati nel corso della giornata nei tre aeroporti della città. Non è chiaro quanti di questi lo siano stati per il maltempo, ma è certo che la neve ha esasperato i disagi già creati dalla pandemia.

L’Atlas innevato a Manhattan (Foto di Terry W. Sanders)

L’aumento di contagi dell’ultimo mese, ha reso più complicata la pulizia stradale e il buon funzionamento dei servizi di trasporto. Sia l’MTA che il Dipartimento di Sanità di New York, infatti, stanno lavorando con staff ridotto da settimane. Il Commissario ai Servizi Sanitari, Ed Grayson, ha dichiarato che il 20% dei lavoratori del dipartimento è in malattia, dopo la recente risalita delle infezioni da Covid-19. “Il Covid è una tempesta che non ci fermerà! Né una tempesta di neve né una tempesta economica lo faranno”, ha detto combattivo il nuovo sindaco di New York Eric Adams, durante la conferenza stampa mattutina. 

Benché le autorità abbiano chiesto ai cittadini di evitare gli spostamenti, le scuole sono rimaste aperte poiché, a detta del sindaco, gli studenti hanno già perso troppe occasioni di apprendimento per via della pandemia.

New York, 7 gennaio, 2022: Central Park (Foto di Terry W. Sanders)

Se si guarda al passato, comunque, quella di oggi, si potrebbe definire una “spolverata” di neve. A partire dal 1900, infatti, i centimetri che si depositavano per le strade di Manhattan superavano di molto quelli di questa stagione. L’11 dicembre 1960, New York fu ricoperta da 38 centimetri di candore, mentre nell’anno della pandemia, lo scorso 16 dicembre 2021, ne caddero ben 26. 

Secondo uno studio effettuato dal Dartmouth College del New Hampshire, che mette a confronto le nevicate degli ultimi 100 anni nella parte ovest degli Stati Uniti, la quantità di neve caduta è diminuita del 30%. Un altro campanello d’allarme del climate change che causa gravi conseguenze sia sulla salute che sull’ambiente.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter