Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Kofi Annan, il primo africano ad aver guidato l’ONU

Guterres: "Ha fornito alle persone di tutto il mondo uno spazio per il dialogo, un luogo per la risoluzione dei problemi e un percorso per un mondo migliore"

Il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan visita l'ala pediatrica dell'Ospedale Zinder, Niger, nell'agosto 2005. (Foto UN / van Schneider)

Aveva vinto il Nobel per la Pace nel 2001, aveva scalato i ranghi delle Nazioni Unite, partendo dai più bassi, sino ad arrivare a Segretario Generale. Ed è stato il primo Africano di colore a guidare l'istituzione.

L’ex segretario generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, è morto sabato 18 Agosto dopo una breve malattia, secondo una dichiarazione pubblicata sabato sul suo account Twitter ufficiale. Il famoso diplomatico del Ghana aveva 80 anni.

Kofi Annan è stato il settimo uomo a prendere il timone dell’organizzazione globale delle Nazioni Unite e il primo segretario generale ad emergere dai ranghi del suo staff. L’attuale capo delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, lo ha salutato come “una forza guida per il bene” e un “fiero figlio dell’Africa che è diventato un campione globale per la pace e tutta l’umanità.”

“Come tanti, ero orgoglioso di chiamare Kofi Annan un buon amico e un mentore. Sono stato profondamente onorato della sua fiducia nel selezionarmi come Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati sotto la sua guida. È rimasto qualcuno a cui avrei sempre rivolgermi per consigli e saggezza – e so che non ero da solo,” ha affermato Guterres in una nota.

“Ha fornito alle persone di tutto il mondo uno spazio per il dialogo, un luogo per la risoluzione dei problemi e un percorso per un mondo migliore. In questi tempi turbolenti e difficili, non ha mai smesso di lavorare per dare vita ai valori della Carta delle Nazioni Unite. La sua eredità rimarrà una vera ispirazione per tutti noi. “

Per Zeid Ra’ad Al Hussein, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani uscente, Annan è semplicemente “insostituibile.”

“Kofi era il miglior esempio dell’umanità, l’epitome della decenza e della grazia umana. In un mondo ora pieno di leader che sono tutt’altro che quello, la nostra perdita, la perdita del mondo diventa ancora più dolorosa,” ha detto Zeid in una dichiarazione.

Kofi Annan, settimo Segretario Generale delle Nazioni Unite, si è spento sabato 18 Agosto. Foto: UN

 

Kofi Annan è nato a Kumasi, in Ghana, l’8 aprile 1938. È stato Segretario generale delle Nazioni Unite per due mandati consecutivi di cinque anni, a partire dal gennaio 1997.

Gli è stato assegnato il premio Nobel in congiunzione con le Nazioni Unite per la pace nel 2001, e Kofi Annan è stato il primo africano nero a guidare le Nazioni Unite, facendo ciò per due mandati, durante un decennio di disordini che ha sfidato questo corpo istituzionale tentacolare e ridefinito il suo posto in un mondo in rapido cambiamento.

Durante il suo mandato, (ed il comitato Nobel lo definì il primo diplomatico dell’Africa) Al Qaeda colpì New York e Washington, gli Stati Uniti invasero l’Iraq, e i politici occidentali spostarono il loro interesse dalla Guerra Fredda alla globalizzazione e alla lotta con la militanza islamica.

Il signor Annan è entrato nel sistema delle Nazioni Unite nel 1962 come ufficiale amministrativo e di bilancio presso l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a Ginevra, dove si è insediato per ricoprire incarichi di alto livello in settori quali bilancio e finanza e mantenimento della pace.

Come ha osservato Guterres: “Sotto molti aspetti, Kofi Annan era l’ONU. È passato attraverso i ranghi per guidare l’organizzazione nel nuovo millennio con dignità e determinazione ineguagliabili.”

Sin dai suoi inizi a Ginevra, il sig. Annan ha ricoperto incarichi delle Nazioni Unite in luoghi come l’Etiopia, l’Egitto, l’ex Jugoslavia e il quartier generale a New York.

In seguito all’invasione del Kuwait da parte dell’Iraq nel 1990, è stato incaricato di facilitare il rimpatrio di oltre 900 membri dello staff internazionale e il rilascio di ostaggi occidentali.

In seguito ha guidato la prima squadra delle Nazioni Unite a negoziare con l’Iraq sulla vendita di petrolio per finanziare gli acquisti di aiuti umanitari. Immediatamente prima della sua nomina a Segretario Generale nel gennaio 1997, il sig. Annan diresse il Dipartimento delle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite durante un periodo che vide una crescita senza precedenti nella presenza sul campo dell’Organizzazione.

La sua prima grande iniziativa come capo dell’ONU fu un piano per la riforma delle Nazioni Unite, presentato agli Stati membri nel luglio 1997.

Il signor Annan ha usato il suo ruolo per difendere i diritti umani, lo stato di diritto, lo sviluppo e l’Africa, e ha lavorato per avvicinare l’ONU alle persone in tutto il mondo stringendo legami con la società civile, il settore privato e altri partner.

Kobi Annan alle Nazioni Unite. Foto: UN


Come Segretario Generale, ha anche galvanizzato l’azione globale per combattere l’HIV / AIDS e combattere il terrorismo.

Nella sua dichiarazione di addio all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2006, Kofi Annan ha espresso l’emozione di lasciare ciò che ha definito “questa montagna con i suoi raffinati venti e le sue visioni globali”.

Sebbene il lavoro fosse stato difficile e impegnativo, ammise che a volte era anche “elettrizzante e gratificante.” Ha aggiunto:“E mentre non vedo l’ora di riposarmi da quelle rocce ostinate nella prossima fase della mia vita, so che mi mancherà la montagna,” ha detto.

Tuttavia, Annan ha fatto tutt’altro che riposarsi, assumendo il ruolo di inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria a seguito del conflitto iniziato nel marzo 2011.
Ha anche presieduto una Commissione consultiva istituita dal Myanmar nel 2016 per migliorare il benessere di tutte le persone nello stato di Rakhine, sede della minoranza della comunità Rohingya.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter