Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Le accuse contro il NYPD: il poliziotto in carriera nonostante le perquisizioni violente

L'indagine sulle perquisizioni invasive della polizia di New York continua dopo le accuse di dozzine di uomini neri e latini contro Christopher McCormack

Christopher McCormack ha prestato giuramento come vice capo durante una cerimonia del 2017 presso la sede della polizia. (NYPD/Propublica)

Questo servizio è basato sull’inchiesta pubblicata da ProPublica e condotta da Joaquin Sapien, Topher Sanders, and Nate Schweber for ProPublica 

Più di una dozzina di uomini neri e latini hanno accusato un poliziotto di perquisizioni umilianti e invasive mentre il NYPD ha continuato a promuoverlo. Ottantasei dei circa 420 ufficiali del dipartimento che attualmente detengono un grado superiore al capitano – che gestiscono quartieri ed altri comandi di grandi dimensioni e supervisionano centinaia di ufficiali – hanno registrato almeno un’accusa di cattiva condotta che è stata confermata dal CCRB, il che significa che gli investigatori hanno accumulato abbastanza prove di reati, che vanno dal linguaggio alle violenze, per dire che sono accaduti ed hanno infranto le linee guida della pattuglia. Per molti degli ufficiali, le loro denunce motivate sono sminuite da un elenco molto più ampio di quelli “non comprovati”, il che significa che gli investigatori non sono riusciti a giungere ad una conclusione su ciò che era accaduto. A volte, i denuncianti non hanno testimoni a sostegno della loro richiesta. Altre volte, il NYPD non riesce a fornire le prove chiave.

La maggior parte degli uomini hanno detto che l’assistente capo Christopher McCormack li ha toccati in modo inappropriato durante le ricerche o ha ordinato ad altri di farlo. Christopher McCormack, uno degli ufficiali di grado più alto del dipartimento di polizia di New York, è l’ufficiale con il numero più alto di accuse. McCormack aiuta a sorvegliare il commercio della droga e le indagini sulla criminalità organizzata in tutta la città. La sua carriera è iniziata quando era un poliziotto nella zona di Washington Heights, infestata dalla droga: “era sempre il primo a scendere dall’auto. Sempre la punta della lancia” ha detto Joseph Esposito, il suo comandante di distretto all’epoca. Christopher si sarebbe guadagnato il soprannome “Red Rage” per i suoi capelli rossi, il temperamento focoso e l’approccio aggressivo. Le accuse contro McCormack si leggono in qualche modo come quelle contro molti altri poliziotti del NYPD: distruttivo nella perquisizione di una casa o eccessivamente fisico con qualcuno per strada.

Ciò che spicca, però, è la frequenza con cui uomini neri e latini lo hanno accusato di ricerche invasive e umilianti. Dicono che abbia abbassato i pantaloni in pubblico, esponendo i loro genitali; alcuni hanno detto che ha usato le dita per cercare droghe intorno ed all’interno delle loro cavità anali o ha ordinato ai suoi ufficiali di farlo. Un uomo ha affermato che gli era stato “detto di mettersi a quattro zampe mentre era nudo” prima di essere sondato con un dito. Un altro ha detto che McCormack lo ha perquisito così violentemente, per estrarre cocaina crack dalla sua cavità anale, che ha sentito il bisogno di andare in ospedale. Unique Kennedy, ha detto che quando McCormack li perquisiva in mutande, “sembrava che qualcuno subisse abusi sessuali, fosse aggredito”.

Il NYPD ha affermato di valutare continuamente la condotta dei suoi ufficiali “attraverso una serie di monitor interni” soppesando le loro storie e le azioni legali del CCRB, insieme al loro “record di lotta alla criminalità”, prima di promuoverli. Ma più di una dozzina di ufficiali attuali ed ex affermano che non esiste un sistema formale per esaminare i reclami del CCRB come parte del processo di promozione, e dovrebbe esserci, soprattutto se il record di un ufficiale suggerisce un modello di condotta preoccupante. Per quanto riguardo il record di McCormack, gli agenti hanno offerto varie difese: che possono essere necessarie ricerche aggressive per trovare droghe o stare al sicuro; che spesso fermava le persone di colore perché lavorava nei quartieri neri e latini; che era “pratico” a un grado quando la maggior parte degli ufficiali fa un passo indietro; che i criminali possano aver presentato false denunce; anche se i suoi capelli rossi potrebbero aver indotto le persone ad identificarlo più di altri ufficiali.

A giugno, il Consiglio della città di New York ha approvato un pacchetto di riforme che richiedeva al NYPD di migliorare e rendere trasparente il proprio sistema disciplinare. La scorsa settimana, il dipartimento ha pubblicato una bozza della sua “matrice disciplinare”, che, tra le altre modifiche, potrebbe imporre sanzioni più rigide per i supervisori che commettono comportamenti scorretti, ma alla fine quelle sanzioni saranno comunque decise dal commissario. Il NYPD sta raccogliendo commenti pubblici sulla proposta. I documenti mostrano che le accuse contro McCormack sono aumentate, ma i risultati sono rimasti sostanzialmente gli stessi mentre lui ha continuato ad avanzare di carriera. In due anni è passato da tenente a capitano a comandante.

Traduzione di Vanessa Vuji

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter