Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Sale il tasso di infezione a New York: Cuomo conferma la chiusura di certe attività

Durante la conferenza stampa di martedi, Andrew Cuomo cambia idea e annuncia la chiusura dei business non essenziali in alcune parti di New York

Martedì, il governatore Andrew M. Cuomo durante una conferenza stampa ha imposto nuove restrizioni e linee guida per frenare un’ondata di cluster di coronavirus in alcune parti di New York City e dei suoi sobborghi settentrionali. Secondo i nuovi criteri, le attività non essenziali – inclusi ristoranti, bar e palestre – chiuderanno in alcune parti di Brooklyn e Queens e nella periferia di New York City, dove il tasso di nuovi casi è rimasto particolarmente alto nelle ultime settimane. Il governatore, che lunedì era stato più cauto sulla chiusura dei business, ha chiuso le scuole nei punti caldi della città, ha affermato che anche le scuole in alcune zone delle contee di Rockland e Orange saranno chiuse. Di fronte alla minaccia di una seconda ondata di coronavirus, il governatore Andrew Cuomo ha ordinato la chiusura di attività non essenziali e nuove restrizioni in quattro regioni dello stato con casi di COVID-19 in aumento. All’interno della zona a più alto rischi, in cui si concentra la maggior parte dei casi, i governi locali potrebbero chiudere le scuole e le attività non essenziali già mercoledì. I luoghi di culto avranno una capacità limitata del 25% o potranno ospitare un massimo di 10 persone. Tutti i raduni di massa saranno proibiti e gli organizzatori di raduni di massa illegali riceveranno una multa di ben $ 50.000, ha affermato Cuomo.

In risposta a un piano proposto dal sindaco Bill de Blasio che mira a nove codici postali di New York, il governatore durante una conferenza stampa ha presentato un grafico con tre categorie di rischio e restrizioni.

Twitter: Andrew Cuomo @NYGovCuomo

“Un raduno di massa provoca infezioni, infezioni causano un cluster, un cluster provoca la diffusione della comunità. Questa è l’evoluzione nazionale delle cose a meno che non interveniamo e interrompiamo il ciclo” ha dichiarato Cuomo. Le decisioni del governatore martedì sono arrivate il giorno dopo che lui ed il sindaco Bill de Blasio hanno dato messaggi contrastanti sull’approccio alla gestione dell’epidemia in alcune parti di Brooklyn e Queens, con grandi comunità di ebrei ortodossi, che secondo i funzionari hanno infranto le regole e i limiti di indossare le maschere.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter