Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Svolta nell’immigrazione: Biden annuncia un disegno di legge per dare la cittadinanza

Il democratico proporrà un percorso di 8 anni che mira ad aiutare circa 11 milioni di persone negli USA senza status legale ad ottenere i documentati

Marcia a Central Park (foto da flickr.com)

Il presidente eletto Joe Biden ha in programma di svelare un ampio disegno di legge sull’immigrazione durante il primo giorno della sua amministrazione, sperando di creare un percorso legale di otto anni alla cittadinanza. L’idea è quella di aiutare circa 11 milioni di persone, che al momento vivono negli Stati Uniti senza uno status legale. Una completa inversione di marcia delle tendenze dell’amministrazione di Trump, caratterizzata da dure politiche di immigrazione.

La legislazione, se approvata e messa in atto, permetterebbe a Biden di mantenere una grande promessa elettorale, importante per gli elettori ispanici e altre comunità di immigrati, reduci di quattro anni di politiche restrittive. Il disegno di legge fornisce uno dei percorsi più veloci verso la cittadinanza per coloro che negli ultimi anni hanno vissuto senza alcuno status giuridico; ma non include il tradizionale compromesso di una maggiore sicurezza alle frontiere, un elemento voluto, e favorito, da molti repubblicani, rendendo la possibilità che il Congresso approvi le nuove misure abbastanza dubbia, date le forti divisioni al suo interno.

Il presidente eletto Joe Biden

Per quanto si sa fino ad ora, ci si aspetta che la nuova legislazione sarà lunga centinaia di pagine, e il disegno di legge dovrebbe essere presentato dopo che Biden avrà prestato giuramento domani, mercoledì 20 Gennaio. In qualità di candidato, Biden ha definito le azioni di Trump sull’immigrazione un “attacco inesorabile” ai valori americani e ha affermato che avrebbe “riparato il danno”, pur continuando a mantenere i controlli alle frontiere.

Secondo la legislazione, coloro che vivono negli Stati Uniti a partire dal 1 ° gennaio 2021 senza status legale potranno intraprendere un percorso di cinque anni verso lo status legale temporaneo, o una carta verde, se superano i controlli dei precedenti, pagano le tasse, e soddisfano altri requisiti di base. Da lì, è un percorso di tre anni verso la naturalizzazione, se decidono di perseguire per ottenere la cittadinanza.

Per alcuni immigrati, il processo sarebbe ancora più veloce. I cosiddetti Dreamers, i giovani che sono arrivati ​​negli Stati Uniti illegalmente da bambini, così come i lavoratori agricoli e le persone in stato di protezione temporanea, potrebbero qualificarsi immediatamente per le carte verdi se lavorano, sono a scuola, o soddisfano altri requisiti. Ma il disegno di legge non è completo come l’ultima grande revisione sull’immigrazione proposta quando Biden era vicepresidente, durante l’amministrazione Obama. Ad esempio, non include un solido elemento di sicurezza alle frontiere, ma piuttosto richiede l’elaborazione di strategie. Né crea altri programmi, o percorsi, per arrivare ad un nuovo tipo di visto lavorativo.  

In generale, si prevede che Biden intraprenderà rapide azioni esecutive per invertire altre decisioni di Trump sull’immigrazione, inclusa la fine del divieto di accesso negli USA da diversi paesi prevalentemente musulmani. Durante le primarie democratiche, Biden ha costantemente rimarcato l’importanza di fare cambiamenti sulle polizze di immigrazione, definendole priorità “del primo giorno”.

Times Square, vittoria di Joe Biden (foto di Terry Sanders)

Gli alleati di Biden, e persino alcuni repubblicani, hanno in comune la convinzione che l’immigrazione sia uno dei problemi più importanti del momento. Non è da escludere, quindi, che la nuova amministrazione potrebbe trovare un terreno comune con il leader repubblicano del Senato, Mitch McConnell, e abbastanza altri senatori del GOP, per evitare lo stallo giuridico che ha irritato le amministrazioni di entrambe le parti per decenni.

Se Biden riesce a far passare questo nuovo disegno di legge, sarebbe una vittoria veramente importante. Di fatti, una delle prime priorità dell’amministrazione di Biden sarà quella di cercare di unire, quanto possibile, un Congresso fortemente diviso, trovando un terreno comune ed arrivando a compromessi. Probabilmente, i repubblicani faranno muro a molte proposte democratiche, come quelle che implicano il ritiro di alcuni dei tagli fiscali del GOP del 2017 e l’aumento della spesa federale. Insomma, a solo un giorno dalla sua inaugurazione, Biden si presenta ricco di proposte e idee, in diretta opposizione a quelle trumpiste. 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter