Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Trump ha indagato l’Italia sospettando che gli avesse fatto perdere le elezioni

Nelle ultime settimane del mandato, Mark Meadows chiese al dipartimento di Giustizia di verificare le teorie sui brogli elettorali, che si sono rivelate infondate

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla Casa Bianca, con il Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump. (Foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Nelle ultime settimane del mandato presidenziale di Donald Trump, il capo di gabinetto della Casa Bianca, Mark Meadows, chiese al dipartimento di Giustizia di verificare la fondatezza di alcune idee cospirazioniste sui brogli elettorali alle elezioni presidenziali di novembre.

Tra queste, figura la cosiddetta ‘Italygate’, una teoria diffusa sul web in Italia secondo cui sarebbero stati usati strumenti militari e satellitari italiani per violare il software che gestiva la raccolta dei dati elettorali, e spostare milioni di voti da Trump a Joe Biden. Lo riporta il New York Times, che cita cinque email inviate a dicembre da Meadows all’attorney general Jeffrey Rosen, che aveva preso il posto del dimissionario William Barr.

Tutte le teorie complottiste si sono però rivelate infondate. L’esistenza delle email è stata resa nota dalla commissione Giustizia del Senato. “Rappresentano la prova – ha commentato il senatore democratico Richard Durbin – di quanto fosse andato in profondità il tentativo della Casa Bianca di influenzare il processo di certificazione del voto”.

“Chiederò che vengano raccolte tutte le prove dei tentativi di Trump di sovvertire il risultato elettorale attraverso il dipartimento di Giustizia”. Secondo i cospirazionisti, tra cui alcuni blogger italiani considerati “noti propagatori di bufale”, era stato usato un satellite italiano per “bucare” il software della società Dominion. Si citava anche la confessione di un ex agente della Cia. Sui social venne lanciato l’hashtag #ItalyDidIt che, per alcune ore, divenne tra i più popolari.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter