Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Draghi ringrazia i vaccini: “La nostra ripresa economica è più forte del previsto”

Il premier dopo l'approvazione della Nadef: "Manteniamo gli impegni". E aggiunge: con la riforma del catasto non si pagheranno più tasse

La riunione della cabina di regia sulla Nadef presieduta dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, a Palazzo Chigi, Roma, 28 settembre 2021 - ANSA/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI/FILIPPO ATTILI

Grazie ai vaccini, il quadro macroeconomico dell’Italia è migliorato e nel 2021 il pil crescerà più del previsto: 6% rispetto al 4,5% indicato precedentemente. Mario Draghi annuncia in conferenza stampa i progressi del Paese ed è certo del fatto che tutto ciò sia correlato alla buona riuscita della campagna vaccinale vaccinazione.

Draghi sottolinea un altro aspetto della Nadef approvata oggi dal Cdm: “Il debito pubblico è in lieve discesa e mi sono chiesto cosa significa: è la prima conferma che dal problema dell’alto debito pubblico si esce prima di tutto con la crescita”.
“Ora – prosegue il premier – c’è fiducia nell’Italia, fra gli italiani e nel resto del mondo nei confronti dell’Italia, questa è un’altra notizia positiva”.

Draghi intende rispettare tutte le scadenze: la prossima settimana verranno approvate nuove norme per arginare i morti sul lavoro, sarà varato in Cdm il disegno di legge delega per la riforma fiscale e si riunirà la cabina di regia sul Pnrr.
Il tema delle pensioni e di quota 100 sarà invece affrontato con la legge di bilancio, che verrà presentata in Parlamento ad ottobre. Sempre a ottobre il Governo preparerà le nuove norme sulla concorrenza.

Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e Matteo Salvini in occasione dell’approvazione i quota 100 – Ansa, RICCARDO ANTIMIANI

“Il rinvio della delega fiscale in Consiglio dei ministri – dice Draghi – non è dovuto ai partiti, ma al fatto che l’attività di governo è diventata sempre più intensa. La delega fiscale verrà presentata in Consiglio dei ministri la prossima settimana. Inoltre questo governo non ha finora mancato una sola data per gli appuntamenti, quindi ha un pochino di credibilità per quanto concerne l’accordo per il Pnrr e ha tutta l’attenzione di mantenere questa credibilità”.

Per quanto riguarda il catasto, l’impegno del governo è che “non si pagherà nè più nè meno di prima, ma vanno riviste le rendite per come sono state fissate. Oggi l’Italia geografica è più piccola dell’Italia catastale, dobbiamo andare a fondo del problema. Il governo vuole fare una operazione di trasparenza”. In ogni caso, il governo promette che non tasserà la prima casa.

Sulle tante morti sul lavoro di cui si è parlato negli ultimi mesi, Draghi esprime “il più sentito cordoglio del governo”. Il Presidente del Consiglio nomina una per una tutte le vittime di ieri e oggi. “Lunedì – afferma il premier – abbiamo avuto un incontro costruttivo con i sindacati, siamo tutti sulla stessa linea di pensiero, c’è una esigenza di prendere provvedimenti immediatamente, entro la settimana prossima, e poi ci sarà un piano più organico e strutturale. Bisogna intervenire subito e ci saranno pene più severe e più immediate. Serve collaborazione all’interno delle fabbriche per l’individuazione precoce delle debolezze. Ringrazio i sindacati per il loro sforzo”. (Agi)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter