Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Orrore in Texas: polizia trova quattro bimbi in una casa, uno di loro mummificato

È successo a Houston, dove lo sceriffo ha fatto la tragica scoperta. La madre è una tossicodipendente e il padre attualmente risulta non rintracciabile

Sceriffo - Ansa

Una horror story vera a Houston in Texas pochi giorni prima di Halloween. Tre bambini abbandonati da mesi in un appartamento sono stati tratti in salvo dalla polizia, che ha scoperto in una stanza il corpo mummificato di un loro fratellino.

Il più grande dei fratelli ha 15 anni, ma soffre di gravi disturbi psichici. Gli altri due hanno 10 e 7 anni. Abbandonati da mesi dai genitori, la madre è stata rintracciata in casa del suo nuovo compagno da Ed Gonzalez, sceriffo della contea di Harris. La donna, tossicodipendente, è stata a lungo interrogata dagli agenti e poi è stata rilasciata. I tre fratelli sono stati ricoverati in ospedale e per ora sono affidati ai servizi per la protezione dei minori. Non andavano più in classe da mesi e nessuno del servizio scolastico ha informato le autorità.

Gli agenti sono intervenuti dopo che il fratello più grande ha telefonato alla polizia. Quando gli agenti sono entrati nell’ appartamento hanno trovato i tre ragazzi malnutriti con il corpo pieno di lividi. In una stanza c’era il corpo mummificato di un altro bambino di 9 anni. “Abbiamo avviato le indagini” ha detto lo sceriffo, il quale ha aggiunto che è in attesa dei risultati dell’autopsia. “E’ stata una scoperta agghiacciante. Nei miei anni di servizio non ho mai visto una scena così terribile” ha affermato Gonzalez. Lo sceriffo ha aggiunto che per le indagini si è in attesa dei risultati della perizia del medico legale. “Il decesso del bambino potrebbe essere stato naturale. Il padre per ora è irrintracciabile e non è chiaro se ci sia un solo padre o se i ragazzi siano figli di padri diversi perché tutti hanno il cognome della madre”.

La donna da anni lotta con la tossicodipendenza. In passato è stata arrestata per disturbo della quiete pubblica e per accattonaggio. Ricoverata più volte in un centro della contea per la disintossicazione è sempre ricaduta nella dipendenza. Non è chiaro come i tre fratelli siano riusciti a sopravvivere per così tanto tempo senza cibo, senza soldi e senza uscire di casa. “Non li vedevamo più da mesi” afferma una vicina di casa. Di solito giocavano con gli altri ragazzi davanti casa”. “È una storia così orribile che non la posso raccontare ai miei figli”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter