Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Per il miliardario Ken Langone il futuro della politica USA è nelle mani di Joe Manchin

Deluso da Trump dopo l'assalto al Congresso, l'imprenditore repubblicano ha poi tifato Biden, ma dice "ma non vedo leadership americana"

L'uomo d'affari Ken Langone (@Thomas Hawk, Flickr)

Da Donald Trump a Joe Manchin il passo è stato breve per Ken Langone, il miliardario che dal nulla ha inventato Home Depot, il gigantesco superstore di prodotti per l’edilizia e il mantenimento della casa. Ma non solo imprenditore, un mago della finanza che riesce a trovare investitori per le iniziative più innovative e per questo siede in una ventina di consigli di amministrazione delle aziende americane di maggior successo.

Ken Langone, con la moglie Elaine, ha donato nel 2008 più di 200 milioni di dollari alla New York University Medical School di Manhattan creando il Langone Center, uno migliori dei centri medici degli Stati Uniti. Si è sentito tradito da Donald Trump dopo che i suoi simpatizzanti hanno assaltato il Campidoglio e lo ha abbandonato. “Non vedo leadership nel nostro Paese. Menomale che c’è Joe Manchin. E’ un tipo che ha coraggio, è determinato. Organizzerò per lui uno dei più grandi eventi di raccolta di fondi elettorali della storia politica americana”.

Con un tweet liquida l’ex presidente e punta i riflettori sulla possibile new entry per le presidenziali del 2024. “Ho sostenuto Joe Biden subito dopo il tentativo di Trump di rovesciare il risultato elettorale – afferma Langone in intervistato dalla CNBC durante il programma “Squawk Box” – ma non vedo leadership americana. C’è Joe Manchin e in lui vedo un centrista dai principi sani e per questo mi piace”.

A proposito di...

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter