Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Morto l’architetto italo-inglese Richard Rogers: suo il Three World Trade Center

Pioniere del movimento «High Tech», vincitore del premio Pritzker. Tra i suoi lavori più celebri, la sede dei Lloyd’s a Londra e il Centre Pompidou a Parigi

Richard Rogers - ANSA/EPA/PABLO MARTIN

L’architetto italo-britannico Richard Rogers è morto ieri sera all’età di 88 anni.

Vincitore del premio Pritzker 2007 e autore di opere come il Three World Trade Center a New York o il centro ‘Georges Pompidou’ di Parigi insieme a Renzo Piano, era nato a Firenze il 23 luglio del 1933 da genitori di origini italiane, tornati in Inghilterra con lo scoppio della Seconda guerra mondiale.

Rogers è uno dei pionieri del movimento ‘high-tech’, che si distingue per le sue strutture in vetro e acciaio e le tubature a vista. Ha progettato la sede della compagnia di assicurazioni Lloyd’s, un ufo architettonico inaugurato nel 1986 nella City di Londra e ha inoltre realizzato l’edificio della Corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo, gli uffici a Berlino in Potsdamer Platz, un terminal all’aeroporto internazionale di Barajas a Madrid, come anche il ‘Dome of the millennium’ a Londra.

Divenuto lord Rogers di Riverside, l’architetto sedeva dal 1996 alla Camera dei lord, la camera alta del parlamento britannico, nei ranghi dei laburisti.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter