Cerca

NewsNews

Commenti: Vai ai commenti

Emergenza Covid: Biden invia altri medici negli ospedali di New York

La decisione della Casa Bianca per far fronte all'aumento dei ricoveri dovuti a Omicron in sei stati USA. Intanto a NYC il numero di nuovi positivi scende

Paramedics bring a patient into the emergency room at Maimonides Medical Center in Brooklyn, New York - ANSA/EPA/JUSTIN LANE

Circa 1.000 tra medici e infermieri verranno dispiegati, a partire dalla prossima settimana, negli ospedali di sei stati USA per “aiutare a smaltire gli ospedali intasati” a causa della variante Omicron del Covid-19. È questa la decisione che il presidente Joe Biden annuncerà giovedì in una conferenza stampa al fianco del segretario alla Difesa Lloyd Austin e dell’amministratrice della Federal Emergency Management Agency Deanne Criswell. A rivelarlo in anteprima è stato un funzionario anonimo dell’amministrazione presidenziale, citato dalla CNN.

I sei stati coinvolti nell’iniziativa sono New York, New Jersey, Rhode Island, Michigan, New Mexico e Ohio – in ciascuno dei quali le strutture ospedaliere stanno fronteggiando una drammatica diminuzione dei posti letto disponibili e persino un’interruzione temporanea dei ricoveri non essenziali.

Alla CNN, Criswell ha affermato che lo scopo dei teams di medici militari sarà quello di “fornire un sostegno critico per aiutare ad alleviare un po’ del carico e della tensione gravante sul sistema sanitario”. Sono già circa 800 i professionisti sanitari inviati nelle scorse settimane dal Governo federale in varie località del Paese per aiutare gli operatori locali con l’impennata di casi dovuti a Omicron e agli strascichi di Delta.

Intanto nella città di New York vige un cauto ottimismo. Malgrado il numero di ricoverati rimanga a livelli record, a far sperare le autorità cittadine è la lieve diminuzione di contagi quotidiani registrata per il quarto giorno consecutivo: se lo scorso 8 gennaio la media di nuovi positivi settimanali era di 39.530, il 12 gennaio è scesa infatti a 38.310, con un tasso di positività al 17,4%.

Un rallentamento analogo riguarda anche lo stato di New York, dove la media settimanale è passata dai 71.720 nuovi positivi di sabato ai 70.655 di mercoledì. Anche la crescita dei ricoverati decelera lentamente, anche se un recente studio californiano ha dimostrato come i ricoveri dovuti ad Omicron siano numericamente inferiori e meno lunghi rispetto alle altre varianti. A causa dell’effetto-coda pandemico, gli effetti dei minori contagi su ricoveri e decessi dovrebbero però venire avvertiti solo tra qualche giorno.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter