Cerca

EconomiaEconomia

Commenti: Vai ai commenti

ONU, ondata di disoccupati nel 2022 per la pandemia: nel mondo oltre 200 milioni

Donne e giovani colpiti in modo sproporzionato. L’Organizzazione Internazionale del Lavoro: sulla povertà “siamo tornati indietro”

I giovani dipendenti di un'azienda tecnologica ad Ankara, in Turchia, si concentrano sul marketing digitale e sui servizi informatici (© ILO Photo/Kivanc Ozvardar)

Sono preoccupanti i dati diffusi dal nuovo rapporto dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) delle Nazioni Unite. La crisi economica causata dalla pandemia di Covid-19 contribuirà alla disoccupazione globale di oltre 200 milioni di persone il prossimo anno. Donne e giovani saranno i più colpiti.

Sebbene le nazioni del mondo “emergano” dalla crisi sanitaria in corso, “cinque anni di progressi verso l’eliminazione della povertà lavorativa sono stati comunque annullati“. “Siamo tornati indietro alla grande“, ha affermato il direttore generale dell’ILO Guy Ryder. “La povertà lavorativa è tornata ai livelli del 2015; ciò significa che quando è stata stabilita l’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030, siamo tornati al punto di partenza“.

Le regioni più colpite nella prima metà del 2021 sono state l’America Latina e i Caraibi, l’Europa e l’Asia centrale. Hanno visto perdite stimate di ore di lavoro superare l’8 per cento nel primo trimestre e il 6 per cento nel secondo trimestre, molto più alte della media globale.

Le donne sono state colpite “in modo sproporzionato” dalla crisi, vedendo un calo dell’occupazione del 5 per cento nel 2020, rispetto al 3,9 per cento degli uomini.

Anche l’occupazione giovanile ha continuato a subire la crisi economica, scendendo dell’8,7 per cento nel 2020, rispetto al 3,7 per cento degli adulti.

Il calo più pronunciato si è verificato nei paesi a reddito medio, dove le conseguenze di questo ritardo e dell’interruzione della prima esperienza del mercato del lavoro dei giovani “potrebbero durare per anni“, ha avvertito l’ILO.

Con l’intensificarsi delle campagne vaccinali, si intravedono segnali di ripresa economica, ma è probabile che sarà fragile ed irregolare” soprattutto nella seconda metà del 2021, ha affermato Ryder. Secondo le previsioni dell’ILO la disoccupazione globale raggiungerà 205 milioni di persone nel 2022, rispetto a 187 milioni nel 2019.

Senza uno sforzo deliberato per accelerare la creazione di posti di lavoro dignitosi e sostenere i membri più vulnerabili della società e il recupero dei settori economici più colpiti, gli effetti persistenti della pandemia potrebbero accompagnarci per anni sotto forma di perdita umana e potenziale economico e maggiore povertà e disuguaglianza”, ha avvertito Ryder. “Abbiamo bisogno di una strategia globale e coordinata, basata su politiche incentrate sull’uomo e sostenuta da azioni e finanziamenti”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter