Cerca

EconomiaEconomia

Commenti: Vai ai commenti

Negli Usa l’occupazione cresce poco: a mancare non è il lavoro, ma i lavoratori

I 199.000 posti in più non soddisfano le aspettative della Casa Bianca. Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,9% e i salari sono aumentati

Un negozio di vini a New York con l'avviso che cerca impiegati (Foto di Terry W. Sanders)

Sono la più grande economia del mondo, ma gli Stati Uniti, a dicembre 2021, hanno creato soltanto 199.000 posti di lavoro. Un numero lontano dai 440.000 previsti dagli analisti, mentre il mercato è alle prese con la nuova ondata di Covid e con la variante Omicron che corre anche negli Usa.

Il problema, però, non è quello che si potrebbe immaginare. A mancare non sono infatti i posti di lavoro, ma i lavoratori.

U ufficio della FedEx a New York con l’avviso che si ricerca personale da assumere (Foto di Terry W. Sanders)

I dati diffusi sono stati raccolti a metà dicembre, prima dell’ultima ondata della pandemia. Da allora, la variante Omicron ha innescato un forte aumento dei nuovi casi di coronavirus, aumentando i ricoveri, trattenendo le persone a casa e suscitando incertezza tra i datori di lavoro. Gli economisti si stanno preparando ad affrontare l’aumento dei positivi, che frenerà ulteriormente la crescita dell’occupazione a gennaio e nei prossimi mesi, anche se è troppo presto per dire come influenzerà il mercato a lungo termine.

In fila per il tampone a New York – di Terry W. Sanders

“Omicron rallenterà le assunzioni a gennaio – ha dichiarato Nela Richardson, capo economista della società di elaborazione paghe ADP – e i suoi effetti potrebbero sentirsi anche all’inizio di febbraio”.

Un fast food Wendy’s a New York con gli avvisi di ricerca di personale (Foto di Terry W. Sanders)

L’altalenante situazione occupazionale sottolinea la continua suscettibilità dell’economia alla pandemia. A quasi due anni dall’inizio di tutto e nonostante il mercato del lavoro in netto miglioramento, alcuni settori come turismo e tempo libero rimangono straordinariamente vincolati all’andamento della malattia.

Cala anche il numero di operatori sanitari, nonostante la frenetica ricerca da parte delle strutture ospedaliere di nuovi medici e infermieri. Molte aziende hanno posticipato i piani di ritorno in ufficio, a volte addirittura a tempo indeterminato. Ristoranti e teatri hanno spento le luci a causa della carenza di personale e dei rinnovati timori di infezione. Alcune scuole sono tornate alla didattica a distanza, lasciando molti genitori che lavorano nel limbo.

Studente a casa segue le lezioni di scuola con la DAD – ANSA/MATTEO CORNER

La stessa Federal Reserve ha sottolineato il fatto che molti settori siano carenti di forza lavoro. Con i salari in aumento e l’inflazione ai massimi da quasi 40 anni, i funzionari stanno almeno cercando di assicurarsi che i prezzi rimangano sotto controllo.

“Gran parte dell’attenzione della Fed sarà sul tasso di disoccupazione più basso” ha sottolineato Gennadiy Goldberg, senior rate strategist di TD Securities, osservando come i mercati abbiano effettivamente innalzato le loro aspettative di aumenti dei tassi di interesse nel 2022.

Saliranno ancora, quest’anno, nel tentativo di rallentare la spesa e raffreddare un’economia in rapida crescita. Per ora, i membri della Fed sembrano accontentarsi di definire la “piena occupazione” – il loro obiettivo dichiarato nel mercato del lavoro – come una bassa disoccupazione.

É abbastanza? No, ma meglio di niente. “Il piano economico sta funzionando e sta riportando l’America al lavoro”: parola di Joe Biden.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter