Cerca

First AmendmentFirst Amendment

Commenti: Vai ai commenti

Incendi senza fine soffocano l’Ovest in fumo e paura

Le scuole fanno piani per una seconda crisi... I venti aumentano di potenza e rischiano di aumentare ancor di più

PRIMA PAGINA (TITOLO + COMMENTO )

      Incendi senza fine soffocano l’Ovest in fumo e paura. A destra di questo titolo, la foto dell’interno di una scuola, con i banchi, distrutta dalle fiamme. Sotto il titolo, due articoli:

      Le scuole fanno piani per una seconda crisi. Mentre la peggior stagione di incendi in decenni devasta l’ovest del paese, con il virus ancora in crescita, famiglie e insegnanti che stavano già cominciando l’anno scolastico più strano e difficile della loro vita, sono stati traumatizzati di nuovo. Decine di migliaia di persone sono state obbligate a fuggire dalle loro case, con qualcuno piangendo la perdita delle loro intere comunità.

      I venti aumentano di potenza e rischiano di aumentare ancor di più. In mezzo a un panorama di fumo e ceneri, le autorità in Oregon, California e Washington combattono per contenere mega-incendi mentre venti cambianti minacciano di alimentare le fiamme  che hanno già bruciato un’inimmaginabile distesa di terreno in tutto l’ovest. Il fumo che rende l’aria irrespirabile ha già raggiunto la periferia di Los Angeles e potrebbe minacciare un’evacuazione di massa.

       Come il sindacato della polizia di New York ha abbracciato Trump. La leadership che non riflette la diversità dei gradi inferiori. Dal discorso tenuto dal capo del sindacato il mese scorso al golf club di Trump in New Jersey: “La’ fuori, noi combattiamo per le nostre vite. Non vogliamo che questo si sparga al resto del paese. Abbiamo bisogno della tua forte voce dappertutto”. Le cariche direttive del sindacato sono fatte solo da uomini bianchi, quasi sempre anziani e conservatori. Nessun nero, nessuna donna.

      A lungo isolato, Israele sente un cambio nel medio-oriente. Dopo decenni di “solitudine” politica, circondato da arabi e mussulmani che lo denunciavano come colonizzatore, Israele, con i patti fatti con gli Emirati e con Bahrein, e la possibilità che altri stati arabi si uniscano, sente che l’aria sta cambiando. Potrà finalmente essere accettato nella regione come un legittimo membro della comunità? L’accordo con gli Emirati e Bahrein si firmerà domani alla Casa Bianca.

      Trump, un ostinato negatore dei cambiamenti climatici, si confronta con una California incenerita. Dopo tre anni al potere cancellando o diminuendo tutte le precauzioni stabilite dai suoi predecessori e continuando a negare tutte le verità scientifiche sul cambiamento del clima, sta andando in California senza aver cambiato idea. Il mese scorso ha detto che la California “deve pulire i suoi pavimenti”, minacciando “di farli pagare perché non ci ascoltano”. Per quanto il giornalismo sia fatto di parole, di fronte alle esternazioni di Trump, quotidiane e in perenne peggioramento, si resta davvero senza parole. 

      Gli scienziati chiedono trasparenza  sui vaccini per aumentare la fiducia del pubblico. E’ normale per un produttore di medicinali non pubblicare dettagli sulle ricerche in corso fino al raggiungimento del risultato. Ma questi sono tempi straordinari, in cui e’ fondamentale per la tranquillità della gente sapere esattamente e passo per passo quello che succede.

 

PAGINE INTERNE

 

      Controlli della febbre sono in aumento, ma sono efficaci protettori ? Sono diventati obbligatori in molti posti di lavoro, ristoranti e scuole anche se le autorità federali della sanità dicono che hanno un valore limitato.

      Incerti dati sul virus in Texas. Ritardi, discrepanze e salti improvvisi nel conteggio del virus hanno sconcertato i residenti e seminato sfiducia.

      Le speranze di Trump in Minnesota diminuiscono. In uno stato dove nel 2016 aveva perso di pochi punti, i nuovi sondaggi lo danno molto indietro.

      Esausti e bloccati in mare. Quando, all’inizio dell’epidemia, molti paesi hanno chiuso i confini, marinai in giro per il mondo improvvisamente non hanno più avuto modo di tornare a casa. Sei mesi dopo, non c’è soluzione in vista, per quello che le nazioni Unite hanno dichiarato “ una crescente crisi umanitaria e di sicurezza”  

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter