Cerca

First AmendmentFirst Amendment

Commenti: Vai ai commenti

La ripresa economica negli USA dà buone speranze per l’anno

Mentre le persone tendono a spendere, il pagamento dei sussidi ha alimentato la crescita nel trimestre

(TITOLO+COMMENTO)

PRIMA PAGINA

– La ripresa economica negli USA dà buone speranze per l’anno, mentre la gente tende a spendere. Il pagamento dei sussidi ha alimentato la crescita nel trimestre. I consumatori si sono liberati dei timori della pandemia con l’anno nuovo e con i soldi dello stimolo comprano automobili e altri beni di consumo, mettendo le basi per quella che potrà essere la più rapida crescita degli ultimi decenni. I dati del primo trimestre mettono in luce che resta molto da fare, ma gli economisti sono ottimisti, mentre aumentano le vaccinazioni e diminuiscono le restrizioni provocate dal virus.

– Il goal del sindaco: aprire New York per il primo di luglio. Il sindaco De Blasio ha dichiarato che New York riaprirà completamente il primo luglio, disegnando la visione di un’estate in cui la più grande città del paese spalancherà le sue porte e ritornerà alla sua abituale vitalità. In una conferenza stampa, ha detto: “Sarà l’estate di New York. Ci godremo tutti di nuovo la città, e la gente verrà qui da tutto il paese per essere parte di questo straordinario momento”.

– Il covid prende una svolta paurosa in Sud America. Il virus danneggia l’economia e il tessuto sociale. Mentre le vaccinazioni aumentano in molte parti del mondo e la gente cautamente comincia a vedere la vita dopo la pandemia, la crisi nell’America Latina sta peggiorando in modo allarmante. La settimana scorsa, ha avuto il 35% delle morti nel mondo, pur avendo solo l’8% della popolazione. Oltre alla scarsità e lentezza delle vaccinazioni e fragilità delle economie che rendono difficile rispettare gli ordini di stare a casa, il problema è la vicinanza col Brasile, un paese di 200 milioni di abitanti, dove il contagio imperversa anche o soprattutto per colpa di un   presidente alla Trump che ha costantemente negato la gravità della pandemia e si oppone ad ogni restrizione.

– Nei piani di Biden, Schumer occupa un ruolo fondamentale. Il presidente Biden ha esposto la sua ambiziosa visione dell’America del post-pandemia. Adesso sta al Senatore Chuck Schumer farla diventare realtà. Senatore democratico e leader del senato, cercherà il consenso dei suoi colleghi repubblicani ma è già chiaro che un compromesso sarà molto difficile da raggiungere.

– Chiude la rete di uffici di Navalny sotto la pressione del Cremlino. I collaboratori di Navalny hanno detto che stanno chiudendo i loro 40 uffici regionali sotto la pressione del Cremlino che minaccia di accusarli di estremismo. Navalny, in prigione e sotto processo, ha invece incitato i suoi collaboratori a continuare la lotta “contro l’imperatore nudo”, come ha detto durante un’apparizione in tribunale.

– Mentre cominciano a cadere le mascherine, prende forma una delicata danza. È la primavera della pandemia. Dopo il trauma dell’anno scorso, i quarantinati stanno emergendo nella luce del sole in viaggi, aule scolastiche e ristoranti. Ma non sanno bene come comportarsi: ci si può stringere la mano? Abbracciarsi? Con o senza mascherina? È una confusione esacerbata da regole che cambiano da stato a stato e addirittura a volte da quartiere a quartiere, mentre il pericolo del contagio rimane.

 

PAGINE INTERNE.

– Passa la legge sulla pulizia dell’acqua. Il Senato ha passato con una maggioranza di 85 a 2, una legge da 35 miliardi per ammodernare il sistema degli acquedotti, un segnale che il consenso bipartitico su lavori pubblici a volte è possibile.

– La Florida passa legge limitando l’esercizio del voto. Il governatore De Santis sta per firmare una legge che diminuisce il numero delle cassette elettorali, rende più difficile il voto per posta e pone altri limiti.

– Disuguaglianza razziale nelle scuole elitarie. Quest’anno solo 8 studenti neri sono stati ammessi a Stuyvesant, una delle migliori scuole di New York, e i numeri sono molto piccoli anche in altre scuole d’élite.

– Elezioni in Palestina rimandate. Il presidente Abbass ha detto che le elezioni di maggio sono state cancellate, prolungando il dissidio interno fra West Bank e Gaza.

– Pelo, piume e strade. Molti camionisti combattono la noia con la compagnia di cani, gatti, uccelli e perfino maialini. 

– Le grandi compagnie di tecnologia vincono la pandemia. Le cinque grandi sono vincenti non nonostante la pandemia, ma a causa della pandemia.        

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter