Cerca

First AmendmentFirst Amendment

Commenti: Vai ai commenti

Andando dietro ai divulgatori, il Ministero della Giustizia ottenne i dati dei democratici

Una tattica molto insolita. I procuratori dell'era di Trump avevano messo le mani sugli archivi della Apple

(TITOLO+COMMENTO)

 

PRIMA PAGINA

– Andando dietro ai divulgatori, il Ministero della Giustizia ottenne i dati dei democratici. Una tattica molto insolita. I procuratori dell’era di Trump avevano messo le mani sugli archivi della Apple. Sotto il ministero di Jeff Sessions i procuratori che cercavano le fonti delle notizie sui contatti fra collaboratori di Trump e la Russia stavano decidendo di abbandonare la ricerca che non portava a nessun risultato concreto. Ma con l’arrivo di William Barr, forse il più asservito fra i molti servi di Trump, la ricerca era stata ripresa alla grande, fino ad ordinare i sequestro dei documenti di vari parlamentari democratici, pratica mai usata prima se non in gravi casi di corruzione. Il tutto è rimasto segreto fino al cambio del Presidente e il governo Trump è accusato di aver tentato di interferire con la libertà di stampa.

– I prezzi salgono, suscitando un dibattito a Washington. L’inflazione più rapida dal 2008, ma durerà? I prezzi al consumo sono saliti in maggio del 5% rispetto al maggio precedente, più di quanto si aspettavano gli economisti, che era il 4,7%, garantendo che l’inflazione resterà al centro del dibattito politico a Washington. I prezzi sono saliti per molti beni e servizi completamente diversi fra di loro, come le tariffe aeree e le auto usate. Si tratta di capire se ciò sia dovuto solo a un momento transitorio per l’entusiasmo per la fine della pandemia o a qualcosa di più duraturo che potrebbe provocare una vera inflazione. 

– Quando il covid manda in pezzi il tuo mondo. Grande fotografia di una famiglia in miseria a New Delhi. “Qui ognuno è da solo”, ha detto uno dei membri.

– Il Presidente degli Stati Uniti piace agli Europei. La sua politica forse no. Biden abbraccia l’unità, ma mette ancora “l’America prima”. Grande cordialità fra i leaders europei e il Presidente Americano, dopo i molti problemi provocati dalla posizione di Trump. Ma una difficile domanda resta senza risposta: la solidarietà dimostrata dal gruppo dei 7 è una mossa di sostanza o solo diplomatica?  La politica di Trump dell’ “America First”  è davvero finita o gli Europei si dovranno accorgere che anche con Biden l’America va solo per la sua strada? 

– Mentre il Pentagono fa sforzi per la diversità, il partito repubblicano continua a vedere solo la cultura della guerra. Con le guerre in corso che stanno finedo e i  ranghi che diminuiscono, il Pentagono abbraccia idee come l’inclusione e adotta tattiche da tempo in uso nel settore privato per assumere e trattenere in servizio donne e personale di colore. Ma molto parlamentari repubblicani non sono d’accordo, protestano anche ad alta voce sostenendo che le forze armate dovrebbero occuparsi solo della cultura della guerra.

– Qualche passo avanti. Fotografia di Biden e Johnson a spasso con le mogli in Cornovaglia, dopo aver firmato il nuovo trattato Atlantico.

– I candidati a sindaco di New York attaccano Adams e si scontrano sulla politica. I principali candidati a sindaco di New York si sono scontrati duramente nel dibattito televisivo di ieri sera sulle rispettive posizioni politiche ed etiche e hanno particolarmente attaccato il candidato Eric Adams (il più favorito dai sondaggi attuali) sulla questione della sua residenza (possiede una casa anche nel New Jersey). Il dibattito, penultimo prima delle elezioni primarie del 22 giugno, era centrato sulla pubblica sicurezza, sulle relazioni con il governatore Cuomo e sui requisiti necessari per guidare una città come New York . 

 

PAGINE INTERNE

– Un voto è un test per l’eredità di Trump. La gara per governatore in Virginia proverà se un candidato repubblicano può allontanarsi dall’ex-presidente, senza respingerlo del tutto, e vincere le elezioni.

– Gli Stati Uniti cancellano sanzioni all’Iran. Un portavoce del Ministero degli Esteri ha detto che non c’era “nessuna connessione” fra l’eliminazione delle sanzioni e il prossimo incontro a Vienna per discutere dell’accordo nucleare.

– UnitedHealthcare (la più importante compagnia americana di assicurazione medica) fa marcia indietro. Dopo aver annunciato la decisione di tagliare i rimborsi per trattamenti al pronto soccorso ha – per ora – ritrattato.

– Il Papa respinge le dimissioni del Cardinale. Il cardinale tedesco Marx aveva dato le dimissioni non perchè accusato di qualche irregolarità o molestie, ma solo in segno di solidarietà per la lotta che la chiesa sostiene contro gli abusi sessuali. Il Papa le ha respinte con un’affettuosa, bellissima lettera in spagnolo.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter