Cerca

First AmendmentFirst Amendment

Commenti: Vai ai commenti

Gli ospedali si riempiono, ma meno casi arrivano alla cura intensiva

Crescita record nel numero di Americani che lasciano un lavoro. Hanno dato le dimissioni 4,5 milioni, spesso per guadagnare di più

(TITOLO+COMMENTO)

 

PRIMA PAGINA

– Gli ospedali si riempiono, ma meno casi arrivano alla cura intensiva. Omicron ha un percorso diverso. La crescita dell’immunità può in parte spiegare la differenza dalle ondate passate. I dottori lo notano negli ospedali di tutto il paese: quest’ondata di covid è diversa dalle altre. Il personale medico è nuovamente esausto e contagiato dal virus. Il numero di pazienti che entrano all’ospedale è altissimo e riempie tutti i letti, anche quelli riservati ad altre procedure urgenti. Ma nei punti caldi dell’Omicron – New York, Florida, Texas – una più bassa proporzione di quei pazienti finiscono nelle unità di cura intensiva o hanno bisogno di ventilazione. E molti, dal 50 al 60% in alcuni ospedali di New York, vengono ricoverati per altre malattie e poi scoprono di essere positivi. “Vediamo un aumento nel numero di ospedalizzazioni – ha detto un dottore – ma la severità della malattia è completamente diversa”.

– Crescita record nel numero di Americani che lasciano un lavoro. Hanno dato le dimissioni 4,5 milioni, spesso per guadagnare di più. L’aumento delle dimissioni negli ultimi mesi sottolinea lo strano contraddittorio momento dell’economia americana dopo due anni di pandemia. Il fenomeno è concentrato nel settore dell’ospitalità e in altri lavori a bassi salari, dove l’intensa competizione fra datori di lavoro ha dato ai lavoratori la possibilità di cercare migliori stipendi. Per molti lavoratori la fretta di riaprire l’economia ha offerto possibilità di migliori paghe e migliori condizioni di lavoro, ma per altri, dove la domanda è meno forte l’aumento delle paghe è stato modesto e annullato dall’inflazione.

– Autostrada ghiacciata. Grande (mezza pagina in verticale) fotografia con questa didascalia: Centinaia di automobilisti bloccati tutta la notte aspettando che l’autostrada I-95 vicino a Washington fosse riaperta.

– Un anno dopo, il caso del Campidoglio continua a crescere. L’investigazione criminale dei fatti del 6 gennaio scorso è uno sforzo giudiziario senza paragoni di complessità e ampiezza. Per un intero anno, le autorità federali in tutti gli stati hanno studiato rapporti da informatori privati, interviste con testimoni, messaggi dai social media, migliaia di ore di video.  Hanno arrestato 700 partecipanti all’assalto, 225 dei quali sono stati formalmente imputati di assalto o interferenza con la polizia, altri di crimini minori come condotta disordinata. Non se ne vede ancora la fine. 

– Il Pubblico Ministero lascia cadere l’imputazione criminale contro Cuomo. L’ex-governatore Cuomo non sarà processato nel caso criminale di aver palpato una sua impiegata in ufficio nel 2020. Il giudice ha dichiarato che i fatti imputati a Cuomo, pur essendo credibili, erano difficili da provare al di là di ogni possibile dubbio.  

– I responsabili delle Olimpiadi respingono le richieste di fare pressioni sulla Cina per il lavoro forzato. Chiudendo l’incontro con gli attivisti dei diritti umani. La richiesta degli attivisti era molto chiara: volevano condividere la loro preoccupazione sui diritti umani, in particolare sulla possibilità che oggetti speciali per le Olimpiadi fossero costruiti usando lavoro forzato. Contatti fra gli attivisti e i funzionari delle Olimpiadi sono andati avanti per mesi, ma si sono conclusi in niente, con questa dichiarazione del dirigente del comitato olimpico incaricato dei diritti umani: ” Siamo spiacenti di concludere che la vostra organizzazione e il comitato olimpico non potranno intrattenere un dialogo a causa delle differenze di approccio, compresi la portata, il processo e la confidenzialità”. Le preoccupazioni sul rispetto dei diritti umani da parte della Cina sono diffuse in tutto il mondo e particolarmente acute nella preparazione dei giochi olimpici il mese prossimo a Pechino. Stati Uniti, Inghilterra e Canada hanno già annunciato boicotti diplomatici. 

 

PAGINE INTERNE

– Scuole chiuse a Chicago. Subito dopo le vacanze, gli insegnanti hanno minacciato di non andare al lavoro per paura del contagio.

– Urgenza sul clima. La crescita dei problemi renderà i prossimi mesi critici per l’agenda ambientale del Presidente.

– Il Canada fa un accordo con le tribù. Il Governo ha detto che pagherà 31,5 miliardi di dollari agli indigeni che hanno fatto causa per il trattamento sanitario dei bambini.

– Ombra sulla famiglia reale. Con la Regina che sta per celebrare 70 anni sul trono, un’accusa di abusi sessuali al figlio Andrew può significare problemi per la famiglia. 

– La Toyota supera la G.M. in America. È la prima volta che un fabbricante straniero è il numero uno nelle vendite annuali, mentre gli altri lottano con la scarsità dei microcircuiti. 

– Sentenza in favore della banda Nirvana. Un giudice ha scartato la causa intentata da un uomo che, da bambino piccolo, era stato fotografato nudo per la copertina di un disco dei Nirvana.

– Coltivando le olive sulle pendici dell’Etna. Un’intera pagina interna, con molte fotografie, è dedicata alla coltivazione di queste speciali olive. La didascalia di una delle foto è sufficiente a illustrare il contenuto dell’articolo: Le olive coltivate sull’Etna sono caratterizzate dal gusto amaro, piccante e da un profumo dolce. Niente del prodotto va sprecato: dopo che si è estratto l’olio, il residuo solido e la pasta sono disidratati e usati come cibo.  

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter