Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

La fiera risposta di New York al discorso di Trump sul muro

Il governatore Andrew Cuomo e il sindaco di New York Bill De Blasio hanno commentato così il discorso di Trump alla nazione di martedì sera

Il governatore Andrew Cuomo, Donald Trump, e il sindaco Bill De Blasio.

"Un muro non è una risposta a una crisi umanitaria, né è una soluzione per mantenere il nostro paese al sicuro", ha detto Andrew Cuomo. "Le minacce al nostro Paese non arrivano dal confine meridionale e un muro razzista non farà stare più sicuri", ha sottolineato Bill De Blasio. Che intanto ha annunciato che New York offrirà assistenza sanitaria anche a chi fino ad oggi non ne ha avuto accesso (comprese le persone prive di documenti)

Tra coloro che hanno risposto a tono al messaggio alla nazione del presidente Donald Trump di martedì sera, c’è stato il governatore di New York Andrew Cuomo. Il quale ha dichiarato: “Gli americani sanno riconoscere la verità quando la ascoltano, e sanno anche riconoscere una retorica politica egoista e arrogante. Signor Presidente, riapra il nostro governo ora”.

Il governatore dello Stato di New York ha poi proseguito: “Un muro non è una risposta a una crisi umanitaria, né è una soluzione per mantenere il nostro paese al sicuro. Se il Presidente è serio in merito alla sicurezza delle frontiere, si unirà ai Democratici per sostenere la sicurezza intelligente e ad alta tecnologia, invece di sprecare miliardi di dollari dei contribuenti sul suo muro assurdo”.

Cuomo ha quindi sottolineato: “A New York, sappiamo che un muro non rappresenta chi siamo come americani – siamo una nazione che accoglie a braccia aperte e sappiamo che la nostra diversità è la nostra più grande forza. Proprio oggi, ho incontrato i membri della delegazione del Congresso di New York, che sono determinati a difendere i nostri principi e far tornare il governo al lavoro”. E ha chiosato: “In questi tempi difficili, lotteremo per gli interessi di New York e per i valori di New York”.

A Trump ha risposto, via Facebook, anche il sindaco di New York Bill De Blasio: “Sono il sindaco del più grande obiettivo terroristico sul pianeta e per anni ho lavorato con il Dipartimento della Polizia di New York, con l’FBI e con il Joint Terrorism Task Force. Le minacce al nostro Paese non arrivano dal confine meridionale e un muro razzista non farà stare più sicuri”.

Pochi giorni fa, De Blasio ha annunciato che la città di New York garantirà l’assicurazione sanitaria a tutti, anche a chi ha stipendi troppo bassi per permettersela o a coloro che non hanno i documenti in regola. Si tratta di una platea stimata di 600mila persone.”La soluzione definitiva sarebbe un’assicurazione sanitaria per l’intero paese pagata dai contribuenti, o Medicare per tutti. Questo è l’ideale  a cui tendere, questo è ciò di cui abbiamo bisogno. E sostengo con forza il disegno di legge che verrà considerato ad Albany questa primavera, perché se Washington non agirà, allora dovrà essere il nostro governo statale ad agire”.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter