Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

Trump nomina la giudice Amy Coney Barrett per la Corte Suprema USA

La conferma di Barrett per sostituire Ruth Bader Ginsburg consoliderebbe la presa della destra sulla Corte più alta degli Stati Uniti per molti anni a venire

Cattolica, madre di sette figli, di solida istruzione, conservatrice e discepola devota di Antonin Scalia, che ha affiancato per più di 20 anni. Durante la sua nomina alla Casa Bianca, Amy Coney Barrett ha affermato: "I giudici non sono responsabili delle politiche e devono essere risoluti nel mettere da parte le opinioni politiche che hanno... Se confermata, mi impegnerò ad adempiere alle responsabilità di questo lavoro al meglio delle mie capacità". Per Donald Trump è "una delle menti legali più brillanti e dotate della nazione"

In una cerimonia al Rose Garden della Casa Bianca, il presidente Donald Trump, sabato, ha nominato Amy Coney Barrett come candidata alla Corte Suprema, una giurista profondamente conservatrice, per occupare il seggio della Corte Suprema di Ruth Bader Ginsburg, venuta a mancare solo la scorsa settimana. I senatori repubblicani, probabilmente, la confermeranno rapidamente, forse anche prima delle elezioni del 3 novembre.

Amy-coney-berrett-corte-suprema-trump

Il presidente Donald Trump nomina Amy Coney Barrett alla Corte Suprema

Questa è la terza nomina per Trump e aveva già espresso la sua intenzione di nominare una donna questa volta. Donald Trump ha elogiato la Barrett, definendola “una delle menti legali più brillanti e dotate della nazione”, dicendo che “è una donna di risultati senza precedenti, con un intelletto imponente e una lealtà incrollabile alla Costituzione”. Riferendosi alla sua fedina penale, ha detto: “Ho guardato, ho studiato e tu sei molto qualificata per questo lavoro”.

Il presidente Trump ha anche osservato che la Barrett, se confermata, sarebbe la prima madre di bambini in età scolare a prestare servizio. L’ha lodata come una “madre profondamente devota” e ha ringraziato i suoi figli “per condividere la loro brillante mamma con l’America”.

La cattolica, Amy Coney Barrett ha 48 anni, è nata a New Orleans nel 1972, ha sette figli, due dei quali adottati ed ha una solidissima istruzione. Si è laureata in giurisprudenza a Notre Dame nel 1997. La Barrett ha successivamente lavorato in uno studio privato e poi è diventata professoressa di diritto, stabilendosi a Notre Dame nel 2002. Ha lavorato anche come assistente legale per l’ormai defunto Antonin Scalia, anche lui di estrema destra, che sosteneva “la Costituzione va applicata alla lettera”, una dottrina che la Barrett applica come fedele discepola. È stata confermata nel 2017 per il suo attuale incarico presso la 7a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti, che copre Indiana, Illinois e Wisconsin.

Non appena nominata ha dichiarato: “La Costituzione appartiene a tutti”. Durante il suo discorso al Rose Garden della Casa Bianca, Amy Coney Barrett ha onorato la memoria di Ginsburg e ha proseguito: “Capisco perfettamente che questa è una decisione importante per un presidente, e se il Senato mi darà l’onore di confermarmi, mi impegnerò ad adempiere alle responsabilità di questo lavoro al meglio delle mie capacità”, ha detto Barrett. “Amo gli Stati Uniti e amo la Costituzione degli Stati Uniti”.

amy-coney-barrett-trump-nomina-corte-suprema

A Rose Garden, il presidente Donald Trump, sabato nomina Amy Coney Barrett

Ha ricordato il giudice Scalia che ha affiancato per più di 20 anni. Si è detta “fortunata” per aver lavorato con lui e ha continuato: data la sua incalcolabile influenza sulla mia vita, sono molto commossa di avere qui oggi membri della sua famiglia, inclusa la sua cara moglie, Maureen”. “Le lezioni che ho imparato continuano a risuonare. La sua filosofia giudiziaria è anche la mia. Un giudice deve applicare la legge come scritta. I giudici non sono responsabili delle politiche e devono essere risoluti nel mettere da parte le opinioni politiche che hanno”. “Non mi illudo che la strada davanti a me sarà facile… Non avrei mai immaginato di trovarmi in questa posizione. Ma ora che lo sono, vi assicuro che affronterò la sfida con umiltà e coraggio. Membri del Senato degli Stati Uniti, non vedo l’ora di lavorare con voi… E farò del mio meglio per dimostrare che sono degna del vostro sostegno”.

amy-coney-carrett-trump-casa-bianca

Alla Casa Bianca, Donald Trump nomina Amy Coney Barrett. Nella foto, il Presidente e la famiglia della Barrett

Il candidato presidenziale democratico Joe Biden ha criticato la Barrett per la sua opposizione all’Affordable Care Act, affermando in una dichiarazione: “La Costituzione degli Stati Uniti è stata progettata per dare agli elettori la possibilità di far sentire la loro voce su chi presta servizio in tribunale. Quel momento è adesso e la loro voce dovrebbe essere ascoltata. Il Senato non dovrebbe agire su questo posto vacante fino a quando il popolo americano non avrà scelto il prossimo presidente e il prossimo Congresso”.

La nomina della Barrett avviene appena otto giorni dopo la morte della giudice liberale Ruth Bader Ginsburg, morta di cancro lo scorso 18 settembre. La Ginsburg, prima di morire, aveva espresso un unico desiderio, quello di aspettare l’elezione del presidente per la nomina del nuovo giudice.

Considerata la sua devota fede conservatrice sui diritti delle armi del Secondo Emendamento, sull’immigrazione, sull’aborto e sui matrimoni tra omosessuali, Amy Coney Berret sembra pronta ad inclinare l’alta corte più a destra, assicurando l’eredità di Trump per generazioni.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter