Cerca

PoliticaPolitica

Commenti: Vai ai commenti

Tra Trump e Biden, un dibattito da far vergognare l’America

Il presidente degli Stati Uniti interrompe continuamente il rivale democratico e mostra tutta la sua pericolosità nel non condannare i gruppi razzisti e violenti

Uno spettacolo mortificante per gli Stati Uniti e tutto il popolo americano che non pensiamo meriti, pur con tutti i problemi che questa società si trascina. Il primo dibattito tra il Presidente Donald Trump e l’ex vicepresidente Joe Biden è stato non solo caotico, ma vergognoso. Donald Trump ha mostrato tutto se stesso senza più freni, un uomo al quale martedì sera sarebbe già stato pericoloso affidare la responsabilità di un condominio ma che invece si ritrova da quasi quattro anni al comando della nazione più potente del mondo.

Trump per tutto il dibattito è stato sempre più aggressivo fino al punto di apparire, con le sue continue interruzioni del rivale, infantile e distruttivo. 

Il presidente protettore del razzismo alla fine è uscito allo scoperto. Tutto il mondo ha potuto vederlo, gli Stati Uniti hanno come Commander in Chief un uomo che non riesce a condannare il “suprematismo bianco”. Che quando gli è stato chiesto, dall’ottimo moderatore Chris Wallace, di cosa direbbe per condannarli ai “White Suprematist”, come i Proud Boys —un gruppo neo-fascista che poi ha festeggiato  — se ne è uscito con “stand back and stand by”. Stand by? Restare in attesa? Di che? Sembra quasi una chiamata alle armi…

Uno spettacolo mortificante: il  presidente degli Stati Uniti che non riesce a dire che condannerà i violenti e razzisti, che non scomunica i “White Suprematist”. Non è la prima volta, era già successo a Charlottesville. Nessuno potrà più dire che si fosse trattato di una incomprensione…

C’è poco da analizzare di un dibattito che non è mai riuscito ad esser tale, non per colpa di chi poneva le domande, quel giornalista Chris Wallace che pur lavorando per Fox, ha mostrato calma e spessore nel cercare di condurre un confronto che Trump ha tentato in tutti modi di far diventare rissa. Ma Wallace non ha potuto evitare, con le continue interruzioni del presidente, che non lasciava praticamente finire di parlare il vicepresidente, che il dibattito crescesse, risultando alla fine solo un pandemonio di frasi interrotte, una bolgia dove non si capiva o approfondiva nulla. 

Joe Biden, che avrà avuto pure il difetto di mostrare martedì sera ancor di più il peso dell’età, almeno ha avuto la decenza di non perdere quasi mai la calma – ad un certo punto Biden esasperato ha chiamato Trump “clown” – e soprattutto di trovare, nei momenti di maggiore esasperazione per le continue scorrettezze del rivale, di puntare lo sguardo verso la telecamera e parlare direttamente agli spettatori.

Si doveva discutere di Corte Suprema, di pandemia da coronavirus che ha provocato negli USA, primo paese al mondo, oltre 200 mila morti, di economia a pezzi, delle proteste e della violenza, di clima e ambiente, della regolarità del voto di novembre. Alla fine, c’è stato solo il caos creato da Trump, che ha cercato così, effettivamente riuscendoci, forse di evitare di essere messo all’angolo e venire umiliato, per esempio, dallo scandalo  di pagare meno tasse di un qualsiasi cittadino medio americano, proprio lui che si vanta di essere un miliardario (ma a quanto pare sommerso dai debiti e sempre sull’orlo del fallimento). Anche lì, quando Wallace gli ha chiesto più volte se Trump avesse pagato solo 750 dollari per le tasse federali nel 2016, come rivelato dal New York Times, il presidente ha ripetuto che lui paga “centinaia di milioni di dollari”, senza rispondere sì o no alla precisa domanda del moderatore. Qui Biden è apparso veramente addormentato, avrebbe dovuto attaccare di più.

Quando il New York Times ha pubblicato il suo scoop sulle tasse e i debiti di Trump due giorni fa, abbiamo subito pensato come anche Al Capone alla fine venne incastrato per le tasse evase. Ma c’è una grande differenza tra il gangster di un secolo fa e Trump, che si trova ad avere tra le mani le leve di comando della nazione più formidabile del mondo. Quando “scarface” fu incastrato, finì in galera per il resto dei suoi giorni. Quando a Trump è stato chiesto sull’atteggiamento che terrà sul rispetto del risultato del voto, ha fatto più volte capire che lui può solo vincere, altrimenti sarà stato tutto un imbroglio… Che farà quindi, con quei supporter violenti che non riesce a condannare nemmeno quando sono “white suprematist”? Per quanto tempo li lascerà in “stand by”?

Biden vs Trump (Illustration by Antonella Martino)

L’America, a pochi giorni dalle elezioni più importanti della sua storia, si ritrova con un Presidente-Sansone, che ormai ha fatto ben capire cosa vorrebbe accadesse se gli americani pensano di potersi liberare di lui col voto. Biden, a questo punto, è stato anche troppo calmo, sfoderando al più dei sorrisetti che mostrava nonostante le continue interruzioni del rivale, che non gli ha lasciato terminare un ragionamento.

Martedì sera l’America a Cleveland, Ohio, si è guardata allo specchio e, a questo punto, si spera si sia spaventata nel rendersi conto, senza filtri, dell’ immaturità del carattere e la pericolosità dei “valori” del presidente che ha scelto quattro anni fa. Joe Biden non è un gigante, si è visto, ma al cospetto del bullo rabbioso e indisponente, a chi scrive queste righe appare come l’unica scelta ancora possibile per scongiurare la fine del secolare esperimento democratico della più formidabile nazione del mondo.

Biden era in vantaggio prima del dibattito nei poll. Dopo quello che si è visto con Trump martedì sera, resto fiducioso che lo rimarrà.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter