Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

Dove va la violenza: da Roma a Brooklyn, siamo tornati alla legge del taglione?

Viviamo in una società in cui la violenza è  divenuta prerogativa dei messaggi dei governanti, che brandiscono ergastoli e pene di morte

Dall'account Twitter di Matteo Salvini.

Siamo tornati al codice di Hammurabi o a quella medioevale del taglione, o l’altra dell’occhio per l’occhio ancora in vigore in molte società. Eppure il nostro carcere idealmente dovrebbe essere mezzo di riabilitazione, di redenzione. Tutti stanno cavalcando l’episodio, con toni roboanti e presenze titolate alla semplice camera ardente. Anche la difesa si sta dando da fare, in questa società in cui si spaccia la pietà e il rispetto a senso unico della persona, gridando all’obbrobrio di una benda sugli occhi dell’assassino confesso e delle manette di norma negli States anche per una monaca maldicente.

C’è un episodio in cronaca che occupa le pagine di tutti i mass-media italiani, giornali cartacei o non social e tv. Un caso di omicidio, oscuro almeno fino ad ora, che si presenta nella sua diversità per gli spunti e i protagonisti. Due balordi figli di ricchi americani, – questo il primo aspetto di esecrazione -, uccidono, pare, un vice-brigadiere, secondo elemento di recriminazione e di furore bellico. La ricchezza e per di più americana diventa caso di condanna recisa e senza appello, movente di odio sociale e transnazionale. La condizione di uomo dell’ordine si erge a scusa per ipocrite e malsane agitazioni di animi. Come se non si sapesse quanto sia gradita la cosiddetta “benemerita” in tutte le classi sociali. Piena di meriti solo se tocca le malefatte dell’”altro”, mai i propri peccati, ritenuti veniali. Ripeto fra tutte le classi sociali, miserabili criminali e prestigiosi ladroni, le forze dette dell’ordine sono sempre il loro bersaglio. In tempi remoti e nei presenti in cui si chiede giustizia, ma sempre nei riguardi degli altri. Un tempo e forse anche oggi erano disprezzati come “sbirri”.

Ma tutto può l’ipocrisia. Rovinosa quando essa diventa progetto politico e strumento di propaganda per accaparrarsi consenso da un popolo frastornato, debole e artatamente intimorito. Perciò un episodio che sarebbe da trafiletto di cronaca è proposto come caso di orrore nazionale. Non azzardo a dire che si tratta di un rischio annunziato per chi contrasta i criminali senza scrupoli. Eppure alla violenza privata, sempre condannabile, si oppone la violenza dei politici che minacciano ergastoli a vita, deprecando il fatto che in Italia non è permessa la pena di morte (come negli States da cui proviene l’assassino) con buona pace del lombardo Cesare Beccaria. In altri termini siamo tornati al codice di Hammurabi o a quella medioevale del taglione, o l’altra dell’occhio per l’occhio ancora in vigore in molte società. Eppure il nostro carcere idealmente dovrebbe essere mezzo di riabilitazione, di redenzione. Tutti stanno cavalcando l’episodio, con toni roboanti e presenze titolate alla semplice camera ardente. Anche la difesa si sta dando da fare, in questa società in cui si spaccia la pietà e il rispetto a senso unico della persona, gridando all’obbrobrio di una benda sugli occhi dell’assassino confesso e delle manette di norma negli States anche per una monaca maldicente.

In parallelo una sparatoria a Brooklyn tra la folla durante la festa annuale dell’Old Timers Day, 11 feriti e un morto, nonostante il dispiegamento di polizia. Oscuro il movente, una pistola non attribuibile. Bill De Blasio ricorda il “pacifico evento di quartiere” e assicura che “faremo tutto quello che è in nostro potere per la sicurezza della comunità e per togliere le pistole dalle strade”. Un proposito encomiabile ma sterile in una società in cui il porto d’armi è sacro per un emendamento costituzionale e in funzione della potentissima lobby che fomenta guerre e stragi all’estero.

Tutto fa brodo. In una società in cui la violenza è  divenuta prerogativa dei messaggi dei governanti, che brandiscono ergastoli e pene di morte, in sistemi sociali in cui si delega al privato la “legittima” difesa, quella della legge, con permesso di uccidere. Una volta era una licenza delle spie.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter