Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

La grande marcia dei giovani: le immagini del Climate Change Strike di New York

Oltre duecentomila partecipanti nel corteo da Foley Square a Battery Park guidato dalla giovane attivista svedese Greta Thunberg

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia2

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia3

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-zacchia4

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia5

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-nyc-zacchia6

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia7

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia8

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchai9

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia10

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia11

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia13

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia14

Foto Renato Zacchia

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia15

Foto Renato Zacchia

Foto Climate Change

climate-change-strike-nyc-zacchia16

Foto Climate Change

Foto Renato Zacchia

climate-change-strike-nyc-zacchia1

Foto Renato Zacchia

Servizio Fotografico a cura di Renato Zacchia

In più di 4500 località di 150 paesi, milioni di persone sono scese in piazza oggi per partecipare al Climate Strike. Anche New York ha risposto massicciamente all’iniziativa: 250,000 hanno marciato da Foley Square a Battery Park, ove si è tenuto un rally alla presenza di decine di attivisti locali e della “madrina” Greta Thunberg. 

In queste ore la città si sta preparando ad ospitare capi di stato, vicepresidenti, capi di governo e ministri per l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Sono anche i giorni del braccio di ferro tra Trump e la California: il presidente USA vorrebbe impedire al Golden State di mantenere vincoli alle emissioni auto più stringenti di quelli federali. 

Nello Stato di New York, intanto, il Congresso ha discusso la proposta di mettere al bando i contenitori di plastica per shampoo, balsamo e bagnoschiuma negli hotel. Nella Grande Mela, il Department of Education ha giustificato l’assenza sui banchi di oltre un milione di studenti per permettere loro di protestare questa mattina.

Dal primo pomeriggio, la folla si era raccolta a Battery Park in attesa dell’intervento finale di Greta. 

“La nostra casa sta andando in fiamme”, ha detto la 16enne svedese alla folla, “perché dovremmo continuare a studiare per un futuro che ci stanno rubando?”. Alcuni ragazzi e i loro genitori che per ore erano rimasti in attesa si sono sentiti male, e il discorso di Greta è stato interrotto per prestare i soccorsi. La leader del movimento “Climate Change Strike” ha infine concluso:  “Ci faremo sentire”, ha detto Greta in riferimento ai leader che si riuniranno per il summit sul clima lunedì all’ONU.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter