Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

Trump proclama il Columbus Day: “un grande italiano” da difendere dagli estremisti

Il presidente degli Stati Uniti riafferma il legame Italia-Usa, esalta la "figura leggendaria" di Cristoforo Colombo senza accennare alle sofferenze dei nativi

di Donald J. Trump

Donald Trump (Gage Skidmore, Flickr)

Più di 500 anni fa, l’intrepido viaggio di Cristoforo Colombo nel Nuovo Mondo ha inaugurato una nuova era di esplorazione e scoperta. I suoi viaggi portarono al contatto europeo con le Americhe e, un secolo dopo, i primi insediamenti sulle rive degli Stati Uniti moderni. Oggi celebriamo il Columbus Day per commemorare il grande italiano che ha aperto un nuovo capitolo nella storia del mondo e per apprezzare il suo significato duraturo per l’emisfero occidentale.

Cristoforo Colombo (Wikipedia).

Quando Cristoforo Colombo e il suo equipaggio hanno attraversato l’Oceano Atlantico sulla Niña, Pinta e Santa María, ha segnato l’inizio di una nuova era nella storia umana. Per gli italoamericani, Cristoforo Colombo rappresenta uno dei primi di tanti incommensurabili contributi dell’Italia alla storia americana. Originario di Genova, Colombo ispirò i primi immigrati a portare la loro ricca eredità italiana nel Nuovo Mondo. Oggi, gli Stati Uniti beneficiano del calore e della generosità di quasi 17 milioni di italoamericani, il cui amore per la famiglia e la patria rafforza il tessuto della nostra nazione. Per le nostre bellissime comunità italoamericane – e americane di ogni estrazione – Colombo rimane una figura leggendaria.

Purtroppo, negli ultimi anni, gli attivisti radicali hanno cercato di minare l’eredità di Cristoforo Colombo. Questi estremisti cercano di sostituire la discussione sui suoi vasti contributi con il parlare di fallimenti, le sue scoperte con atrocità e le sue conquiste con trasgressioni. Piuttosto che imparare dalla nostra storia, questa ideologia radicale e i suoi sostenitori cercano di ritrattarla, privarla di ogni splendore e contrassegnarla come intrinsecamente negativa. Cercano di reprimere ogni dissenso dalla loro ortodossia. Non dobbiamo cedere a queste tattiche o acconsentire a una visione così cupa della nostra storia. Dobbiamo insegnare alle generazioni future il nostro patrimonio storico, a partire dalla protezione dei monumenti ai nostri intrepidi eroi come Colombo. Questo giugno ho firmato un ordine esecutivo per garantire che qualsiasi persona o gruppo che distrugge o vandalizza un monumento, un memoriale o una statua federale sia perseguito nella misura massima consentita dalla legge.

Ho anche preso provvedimenti per assicurarci di preservare la storia della nostra nazione e promuovere l’educazione patriottica. A luglio, ho firmato un altro ordine esecutivo per costruire e ricostruire monumenti a figure iconiche americane in un giardino nazionale degli eroi americani. A settembre ho annunciato la creazione della Commissione del 1776, che incoraggerà i nostri educatori a insegnare ai nostri figli il miracolo della storia americana e ad onorare la nostra fondazione. Inoltre, il mese scorso ho firmato un Ordine Esecutivo per sradicare l’insegnamento dei concetti di divisione razziale dal posto di lavoro federale, molti dei quali sono radicati nello stesso tipo di storia revisionista che sta cercando di cancellare Cristoforo Colombo dalla nostra eredità nazionale. Insieme, dobbiamo salvaguardare la nostra storia e fermare questa nuova ondata di dissacrazione opponendoci a coloro che diffondono odio e divisione.

La statua di Cristoforo Colombo abbattuta a Minneapolis (Immagine da Youtube)

In questo Columbus Day, abbracciamo lo stesso ottimismo che ha portato Cristoforo Colombo a scoprire il Nuovo Mondo. Ereditiamo quell’ottimismo, insieme all’eredità degli eroi americani che hanno tracciato i sentieri, stabilito un continente, domato la natura selvaggia e costruito la più grande nazione che il mondo abbia mai visto.

In commemorazione dello storico viaggio di Cristoforo Colombo, il Congresso, con risoluzione congiunta del 30 aprile 1934, modificata nel 1968 (36 U.S.C. 107), ha chiesto al Presidente di proclamare il secondo lunedì di ottobre di ogni anno come “Columbus Day”.

Ora, quindi, io, Donald J. Trump, Presidente degli Stati Uniti d’America, in virtù dell’autorità conferitami dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti, proclamo il 12 ottobre 2020 come Columbus Day. Invito il popolo degli Stati Uniti a osservare questo giorno con cerimonie e attività appropriate. Dirigo anche che la bandiera degli Stati Uniti sia esposta su tutti gli edifici pubblici nel giorno stabilito in onore della nostra diversa storia e di tutti coloro che hanno contribuito a plasmare questa nazione. In testimonianza di aver messo qui la mia mano questo 9 ottobre, nell’anno di nostro Signore 2020, e nel duecentoquarantacinquesimo dell’Indipendenza degli Stati Uniti d’America.

Traduzione Alessandra Loiero

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter