Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

Pandemia della violenza: la casa, il posto più pericoloso per le donne

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne: il lockdown ha aumentato gli abusi, qui il vademecum su come difendersi e agire

Una delle immagini della campagna "arancione" iniziata nel 2017 al Palazzo di Vetro dell'ONU contro la violenza sulle donne. Nella foto c'è anche Phumzile Mlambo-Ngcuka, Under-Secretary-General e UN Women Executive Director (Foto UN Women)

La pandemia sta peggiorando la condizione delle donne ovunque. Le statistiche e gli studi fatti in questi mesi ci rimandano l’immagine di una donna  oberata di responsabilità che si divide tra lo smart working, che non è per niente smart, i figli a casa da scuola e la gestione della famiglia. I mariti sono poco collaborativi tranne rare eccezioni. In alcuni casi,  diventano dei veri carnefici. La violenza infatti, con il Covid,  è aumentata e le tensioni di prima nel chiuso delle mura domestiche si sono trasformate in situazioni sempre più a rischio per le donne.

E’ successo durante la prima ondata con il lockdown totale durato tre mesi, sta succedendo anche adesso che il lockdown è più leggero. Il 25% di violenza in più in Argentina, il 30% in Francia e a Cipro, il 33% a Singapore. In Italia le chiamate di aiuto al numero verde 1522 sono raddoppiate tra marzo e giugno. In Brasile 648 donne sono state uccise nei primi sei mesi dell’anno, in aumento rispetto lo stesso periodo del 2019.

Secondo le Nazioni Unite la situazione è peggiorata ovunque, ma non tutti i paesi stanno reagendo allo stesso modo cercando di dare una mano alle donne in difficoltà. I centri  antiviolenza italiani sono sempre rimasti aperti, ma le Regioni non hanno ancora erogato il 90% dei fondi del 2019 per le strutture che aiutano le vittime e  quelli del 2020 non sono ancora stati stanziati. In Spagna è stato introdotto un codice da usare in farmacia per chiedere aiuto: basta dire Mask 19, mentre in Francia alcune associazioni hanno messo loro punti di contatto nei supermercati.

Difficile guardare  con ottimismo al futuro. Quello che la pandemia sta facendo emergere con chiarezza è il rischio di arretrare nelle conquiste raggiunte dalle donne in termini di parità autonomia e indipendenza economica. 1 donna su 4 sta pensando di rinunciare alla carriera se non al lavoro in generale, a causa della pressione eccessiva che la pandemia ha scaricato sulle sue spalle rileva uno studio recente della McKinsey & Company. Si sentono esauste. La violenza fa il resto e solo il 40% delle donne che la subiscono sceglie di denunciare per scarsa fiducia nelle istituzioni. Ancora troppe volte succede che  le donne non siano credute o colpevolizzate. Una doppia violenza

Violenza sulle donne (Foto di Nino Caré/Pixabay)

VIOLENZA: VADEMECUM PER LE DONNE

Come riconoscere i primi segnali di violenza machista che possono poi degenerare in situazioni ben più  gravi sino al  femminicidio

Primi segnali di allarme:

Ti zittisce

Ti mette in ridicolo negli incontri con amici e famigliari

Ti controlla il cellulare o il pc senza che tu lo sappia o ti obbliga a mostrargli per che cosa l’hai usato

Disprezza il tuo modo di vestire o ti dice che cosa devi metterti

Ti rivolge frasi che feriscono e dice che scherzava

Si mostra geloso

Ti dà la colpa delle cose che gli succedono o che gli vanno storte

Mostra una continua sfiducia in te

Usa il ricatto emotivo per ottenere da te ciò che vuole

Cerca con insistenza di farti stare soltanto con lui

 

Incomincia a  preoccuparti seriamente

Disprezza la tua opinione e ti dice di stare zitta e che non sai di che parli

Ti urla contro

Ti colpisce e dice che sono gesti affettuosi, fatti per gioco

Ti dice che ti comporti sempre in modo da ingelosirlo

Quando si arrabbia colpisce i muri, i mobili o altri oggetti

Distrugge un tuo oggetto personale

Distrugge qualcosa che ti hanno regalato amici o famigliari e che per te è importante

Ti strattona

Ti dà la colpa delle costanti liti e tensioni

Si infuria esageratamente per cose da nulla

Cerchi a ogni costo di non farlo arrabbiare

 

È molto preoccupante:

Non ti permette di stare con i tuoi amici e la tua famiglia

Ti senti isolata

La gelosia lo porta a litigare con amici

Ti obbliga ad avere rapporti sessuali che non vuoi o quando non vuoi

Ti prende per il collo

Ti minaccia con oggetti o armi

Minaccia di ucciderti

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter